Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Marco Giuliana
Email:ocramkastalia@hotmail.it 
Oggetto:Sdegno aeroporto di Comiso 

Gentile Direttore di "QDS",
a scriverLE è un nutrito gruppo di cittadini elettori, composto da circa
cinquecentomila persone delle provincie di Ragusa, Siracusa,
Caltanissetta, Agrigento e della città di Caltagirone.
Le scriviamo anche a nome di un gruppo Facebook chiamato "aeroporto
di Comiso [Unico gruppo attivo]" che conta dell'apporto di cinquemila
utenti, per manifestare e gridare ad alta voce lo stato di profondo disagio
per gli inspiegabili ritardi burocratici che, impediscono l'apertura dello
scalo aeroportuale "casmeneo".
Ultimato nei primi mesi del 2010 (con un ritardo di due anni rispetto alle
previsioni), lÂ’aeroporto di Comiso ha usufruito di fondi nazionali stanziati
con delibera CIPE n.36 del 3 maggio 2002 per 29,79 milioni di euro, di
fondi comunitari per 7,09 milioni di euro, e di fondi privati per 3,23 milioni
di euro, ed è stato, senz’altro, il progetto più ambizioso nel campo
dellÂ’aviazione civile che, negli intenti della fruttuosa collaborazione
istituzionale fra Enac, la Regione Siciliana ed il Comune di Comiso, con il
compimento del polo aeronautico orientale, rappresentato dagli scali di
Catania e Comiso, doveva portare all'integrazione del sistema
aeroportuale siciliano.
I successivi proclami ufficiali di "Ken OÂ’ Toole" , direttore della divisione
per lÂ’apertura delle nuove rotte, e di Michael Cawley, secondo direttore
esecutivo di Ryanair, la compagnia "low cost" per eccellenza, e le
manifestazioni d'interesse di compagnie aeree cargo evidenziano la
bontà del progetto.
Il nostro gruppo è un movimento di opinione che, fin dalla sua
costituzione, ha cercato di far conoscere la marginalità della Sicilia sud
orientale. Nonostante le carenze infrastrutturali il territorio del sud-est è
capace di esprimere attività imprenditoriali ed economiche di grande
rilievo nel panorama regionale.
Come gruppo ci siamo permessi di indirizzare al ministro Tremonti le
nostre considerazioni sulla necessità di firmare, urgentemente, il decreto
interministeriale di
lettera inviata il 10 aprile 2011