Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:Giuseppe La Rocca
Email:info@laroccamacchineagricole.it 
Oggetto:I POLITICI 

Ogni giorno ringraziamo Dio, per essere riusciti a tenere in piedi la
propria azienda e per essere ancora oggi aperti; Ma dietro a questo
misero traguardo ci stanno notevoli grandi sacrifici, sofferenze,
delusioni, frutto del massimo impegno e di una forza di volontà infinita
che non ha eguali. Ma ci stiamo chiedendo, stavolta, sempre più
frequentemente, cosa ci spinge a tenere duro col solo obiettivo di poter
sopravvivere; Ci chiediamo se ne vale la pena e comunque perchè?
Dinanzi a questo spettro, esistono ancora paradisi artificiali costruiti nel
tempo e che ancora perdurano spudoratamente. E dietro ogni tegola,
dietro ogni ingiustizia, disparità, condotta immorale, corruzione, falsità e
tanto altro ancora, ci troviamo dinanzi allo stesso nodo; Un nodo
chiamato politica fatto di tanti personaggi chiamati POLITICI, ognuno
votato alle proprie idee apparentemente diverse tra loro, ma poi
paradossalmente simili per risultato finale.
Ma mi chiedo, che mestiere è il politico?
E' forse un lavoro, un'attività, una professione, che dura spesso una
vita, o che altro! Ma una cosa è certa: -Questa gente ci ha depauperato
negli ultimi decenni come peggio non si sarebbe potuto fare; Ci hanno
sopratutto strappato e segnato irrimediabilmente il nostro futuro e quello
dei nostri figli, divorando tutto ciò che gli si trovava davanti.
Mi chiedo qual è la loro funzione e a che cosa ci servono! e perchè ci
affidiamo a chi è inaffidabile? -Hanno, quasi sempre gestito solo
interessi personali, generando inefficienza, favori, scambio di voti,
condotte immorali, e buchi di bilancio fallimentari, incuranti di arrivare sul
baratro di un burrone che chissà se mai più risaliremo.
Ma chi siete Voi, per averci precluso le nostre speranze di domani,
rapinandoci le prospettive che ci eravamo costruiti, e che prezzo ancora
dovremo pagare nell'immediato futuro, se prima ancora non
soccomberemo!
-Ma loro, nonostante tutto, sono sempre lì, con la loro "faccia di bronzo",
a imporci le loro regole.
lettera inviata il 09 aprile 2012