Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Gero
Email:bld.gero@hotmail.it 
Oggetto:Un piano evolutivo connesso al bene comune 

Il governo con le sue riforme, sta trascinando il Paese alle porte di una
disperazione popolare. Vedi le avvisaglie di tanti suicidi di chi perde il
lavoro e di chi è costretto a chiudere le proprie aziende, suicidi che
dovrebbero pesare sulle coscienze del governo, continua invece a
insistere con accise che stremano le famiglie fino al collasso. L’iniquità
che questo governo produce, vedi la disparità di trattamento fra la
classe parlamentare, sommersa tra benefici ed elevati onorari e la
continua richiesta di denaro alla popolazione, non fa altro che
rafforzare la disapprovazione dellÂ’azione del governo. Ancora una volta
senza scrupolo continuano a tutelare, a discapito del popolo, le varie e
potenti lobby; vedi il ritiro perpetrato dellÂ’emendamento che azzera le
commissioni bancarie non appena giunta la protesta dellÂ’ABI,
dimostrando che “l’uomo del monte” è capace solo di fare il duro con la
parte debole del paese. Nel frattempo i partiti politici, sembrano
imbavagliati e incapaci di qualsiasi azione, ciò è frutto dell’incapacità di
gestire la crisi sopravvenuta, dimostrando il totale fallimento di tutta la
classe politica, capace solo di fare demagogia. Occorre riavviare la
proposta fatta tempo fa, cioè di tagliare i costi della politica, abolendo
nellÂ’immediatezza le provincie. Occorre dimezzare il regime dei
parlamentari, i rimborsi fuori controllo, la totale revisione dellÂ’uso del
denaro pubblico. Inoltre per rilanciare lÂ’occupazione, problema discusso
in parlamento ma irrisolto, necessita la detassazione del costo del
lavoro e non venga attribuito il problema della responsabilità all’art.18
dello stat. dei lavor. la cui abolizione è atto brutale e irresponsabile. Per
chi gestisce la politica di un Paese, non c’è posto per l’irresponsabilità. I
politici si diano un compito ben preciso, quello di rispettare e far
osservare i diritti individuali e collettivi di ognuno. Questo significa
cambiare i parametri di osservazione e valutazione dell'intero sistema.
lettera inviata il 14 aprile 2012