Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Gruppo "agrigento punto e a capo"
Email:emanuelelovato1@alice.it 
Oggetto:lettera inviata al sindaco x protestare contro aumenti 

LETTERA APERTA AL SINDACO DELLA CITTAÂ’

Sindaco, ieri abbiamo letto la nota di un gruppo politico, di cui riportiamo
alcuni passi: “Purtroppo, stasera si è registrata l’assenza formale,
benché non sostanziale, di gran parte dei consiglieri originariamente
proponenti, nonché di altri singoli consiglieri che, inspiegabilmente, hanno
ritenuto di non presenziare al formale appello per ben due volte, benché
fisicamente presenti.( ed ancora il medesimo gruppo consiliare) “ritiene
altrettanto deplorevole lÂ’atteggiamento della Giunta Comunale, anchÂ’essa
apparentemente presente, ma poi assente al momento degli appelli.”
Poi questa mattina, nel giornale BellaCiao del prof. Di Bella leggiamo:
“Dopo gli aumenti dell´Irpef comunale e dell´Imu, al massimo delle aliquote
ed in attesa dei prossimi aumenti previsti dal nuovo bilancio del Comune,
arriva come promesso anche l´aumento delle tariffe idriche; a fronte di
ciò
Le chiediamo:
ma secondo Lei, la sua giunta, i consiglieri che ieri hanno pensato bene
di essere sostanzialmente presenti ma formalmente assenti, come
giustificano tale comportamento allÂ’occhio di noi cittadini?
Si discute dellÂ’inquinamento marino con annessi e connessi e non si
raggiunge il numero legale; si aumentano IMU, IRPEf e tariffe idriche e
pochi alzano il dito per dire “IO NON CI STO”…. di presidenziale memoria.
Sa che le diciamo?
Siamo stanchi e decisamente stufi di tutto ciò!
A dicembre ci saranno famiglie che non potranno pagare lÂ’IMU,
diventando di fatto involontari evasori fiscali; molti di noi vedranno le loro
buste paga diventare più povere causa aumento IRPEF, e siamo fortunati
ad avere ancora le buste paga.
Almeno rendete coerenti le promesse fatte ed iniziate ad affrontare il
problema del mare inquinato e del peso fiscale ormai non sostenibile da
noi tutti.
Sindaco lei aveva promesso ai rappresentati di “Agrigento Punto e a
Capo” che l’hanno incontrata molti giorni addietro di interessarsi a:
1- non pagare lÂ’IVA del 10% allÂ’ATOGESA2;
2- rimborso dei giorni di sciopero effettuato dai lavoratori dellÂ’ATOGESA2;
3- ridare ai cittadini il rimborso della depurazione, nelle zone non servite
da un depuratore, effettuando quindi una mappatura del territorio;
4- rimettere in discussione le tariffe fatte con delibera n.152 del 29.11.2005;
5- dare maggiore trasparenza alle tariffe della voce “manutenzione ordinaria e straordinaria”;
6- riportare tale voce "quota fissa" ai valori stabiliti dal CIPE;
7-occuparsi delle pratiche inerenti la costruzione degli impianti di depurazione come da delibera regionale n 140/11 per i quali è intervenuto un finanziamento dal cipe di 32 MILIONI di euro,soldi che se non utilizzati entro GIUGNO 2013 verranno persi e saremo sanzionati dal'U.E.
A questo punto Le chiediamo, a che punto siamo con le nostre richieste?
Vorremmo pensaste pò meno ai giochi politici, alle scadenze elettorali,
prossime e future, e di più ad AGRIGENTO E AGLI AGRIGENTINI.
Noi vogliamo “Fatti non parole” - usiamo sempre le sue parole, perché
rispecchiano il nostro pensieroÂ…; oggi ci vogliono i fatti per cercare di
aiutare Agrigento, mortificata ed abbandonata, e i suoi cittadini vessati
dal governo centrale, regionale, provinciale e da quello comunale.
Corre l’obbligo, a questo punto, richiamare alla serietà tutti quei
consiglieri, che hanno pensato bene di disertare i lavori dÂ’aula, il cui tema
era di fondamentale importanza: “IL NOSTRO MARE”… Ricordatevi cari
consiglieri “ Che fu a Regina ad aver bisogno da vicina” e voi un giorno
da noi riverrete ad offrire caffè, a stringere mani e a sorridere per
sperare in una vostra nuova elezioneÂ…e noi staremo sempre qui ad
aspettarvi.
Quello che desideriamo è una collaborazione istituzioni-cittadini, un
dialogo, ma se questo diventa un monologo, noi non ci stiamo, saremo
noi a dire BASTA!
Sperando che questo appello venga recepito da Lei, Sindaco, e dalla
sua amministrazione e da tutto il consiglio comunale significhiamo che
tale richiesta verrà inviata anche per le vie legali come istanza via pec.
Le auguriamo
Distinti saluti
Agrigento lÂ’,24/10/2012
“Agrigento Punto e a Capo”
lettera inviata il 24 ottobre 2012