Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:giovanni iannello leone
Email:iannello.giovanni@tiscali.it 
Oggetto:Lettera ad una studentessa dopo gli scontri tra alcuni manifestanti e polizia 2/2 

Sono pochi, pochissimi oggi i politici all'altezza del ruolo nei vari
schieramenti, persone serie e competenti di cui posso anche non
condividere le opinioni o non tutte le opinioni, ma che rispetto
profondamente.
Aggiungo che gli uomini in divisa devono difendere le istituzioni per tutti
noi e devono difenderle nel modo giusto, senza diventare come la vera
controparte; se vedo un collega che sbaglia, che sta per prendersela
con chi non c'entra o sta per usare violenza con uno inerme, me lo tiro
via, lo blocco e gliene dico quattro; gli dò anche un pugno (tra noi si può)
e lo riconduco alla ragione ed alla differenza tra noi e chi sbaglia e
delinque.
Aggiungo che rispetto la protesta civile e pacifica. Sempre. Odio la
protesta che volontariamente fa da apripista ai violenti, che stimola i
facinorosi, i vandali ed i mestieranti dell'estremismo, che sceglie luoghi e
situazioni dove sa che verranno fuori e prevarranno i fautori degli
scontri.
Così come io devo rapportarmi a delle regole nello scontro e non usare
qualsiasi strumento, anche la protesta civile ha regole da cui non può
uscire: se non sta in quelle regole elementari di civiltà e pacificità,
diventa altro: bestialità, vandalismo, criminalità, fiancheggiamento
dell'estremismo autoritario.
Un abbraccio a tutti."
Un saluto anche a te, Ornella.
lettera inviata il 15 novembre 2012