Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Giovanni Iannello Leone
Email:iannello.giovanni@tiscali.it 
Oggetto:Si fa presto a dire "grazia". Ma cosa comporta al nostro povero sistema ? 

Un aspetto poco esplorato e colpevolmente sottovalutato della vicenda
condanna e perdita diritti politici di Berlusconi riguarda che una eventuale
"soluzione politico-giuridico istituzionale" creerebbe un grave vulnus al
sistema dei delitti e delle pene, compreso ovviamente il sistema penale
extradetentivo quale è la interdizione dai pubblici uffici; nel caso in itinere
abbiamo un potentato finanziario-politico con uno stuolo di avvocati, e di
parlamentari-avvocati di parte (a cui è estranea la deontologia
professionale e parlamentare e relativi obblighi di differenziare i ruoli)
che certamente troveranno una qualche via, una qualche escamotage
per vincere la loro battaglia e deridere il sistema, creando un gravissimo
precedente che non credo sia utile alla nostra società ed alle nostre
istituzioni; un appello a quanti hanno a cuore le sorti del nostro sistema
civile e giuridico; un appello a coloro che si dichiarano moderati nel
centro destra ed a cui non può essere del tutto estranea una certa
cultura liberal-moderata, ancorché in dose minima; un appello anche a
chi nel centro-destra e nella destra si richiama ai valori di "serietà e
severità" della legge.
lettera inviata il 14 agosto 2013