Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:ERMANNO ANNINO
Email:ermannoannino@virgilio.it 
Oggetto:Operatori culturali protagonisti: "Ripartiamo per Siracusa ma cambiando ma modalità di gestione degli eventi e degli spazi" 

In questi giorni sentiamo parlare della possibile nomina a Presidente
della Fondazione Inda del Sindaco Garozzo: ci auguriamo che ciò,
anche con modifica di delibera, avvenga al più presto ricordando che
questÂ’anno ricorre il centenario delle Manifestazioni Classiche e ci si
attenda una importante organizzazione. Già con le dichiarazioni di
qualche mese fa da partedellÂ’Assessore Regionale al Turismo
Stancheris sul caso Inda lasciava stupefatti, in merito al blocco dei
fondi per irregolarità di tempi passati sul sistema gestionale
dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico quindi, scongiurato ciò,
bisogna mettersi in moto da subito per garantire un 2014 di grande
riferimento per le rappresentazioni. Insieme c’è stato un plauso per
gli eventi natalizi in città, più da parte di politici che di cittadini.
Sicuramente va ringraziato e reso merito allÂ’Assessore Lo Giudice il
quale è riuscito a mettere su un cartellone di eventi se pur minimo ,
visto la totale “gratuità” di chi si è esibito per l’ormai notissimo
inesistente bilancio e senza dimenticare lÂ’enorme sforzo sul progetto
di candidatura a Capitale della Cultura sviluppata veramente in
pochissimo tempo. Ma da qui bisogna ripartire. Non si poÂ’ pensare di
attraversare unÂ’altra stagione un senza creare un calendario di
eventi ben stabilito e con unÂ’offerta variegata per i concittadini e per i
turisti che in città saranno numerosi, visto l’evento particolare delle
Manifestazioni Classiche. Questo diventa punto di forza di
promozione turistica e di sviluppo economico della nostra città e
della nostra provincia e per far ciò bisogna pensare ad un cambio
gestionale che veda la presenza di personalità artistiche guardando
anche alle esperienze locali che sicuramente avrebbero una
dedizione diversa rispetto a illustri magari provenienti da altre realtà
distanti dallÂ’amore e la passione che negli anni ha visto siracusani
investire tempo e denaro nella ricaduta e per lo sviluppo culturale
della città. Quindi una commissione di tecnici del settore artistico-
culturale che possa gestire e selezionare gli eventi nei siti di
pertinenza dellÂ’amministrazione, Sala Randone, Villa Reimann,
Galleria Civica, Palazzo della Cultura, Antico Mercato, Ex convinto
del Ritiro ed infine presenza anche allÂ’interno del CdA dellÂ’INDA.
Rispetto per gli artisti e gli operatori culturali siracusani insomma,
prendendo in considerazione i progetti e riconoscendo il sostegno
economico per realizzarli cercando ancor più di considerare la
cultura il “nostro petrolio”. Tanti di questi professionisti sono già
andati via dalla città e tanti lo stanno già facendo e dispiace non
poter esprimere le proprie competenze nella città in cui si è nati…
Penso che questa non voglia essere la scelta della nostra giunta e
dei nostri amministratori, ma di certo gli operatori culturali e gli artisti
(già da giorni in contatto e con proficui incontri) si stanno
organizzando per dare uno stop a questo tipo di gestione e
partecipare attivamente, professionalmente alla rinascita economica,
sociale e politica, oltre che culturale stessa di Siracusa. Confidiamo e
siamo certi che il nostro sindaco Garozzo insieme agli assessori di
riferimento Italia e Lo Giudice cercheranno di risolvere queste
istanze in tempi brevissimi e guardando alle competenze reali, ai
curriculum e, per la prima volta a Siracusa, fuori da riferimenti
esclusivamente partitici.
ERMANNO ANNINO
Consulente Culturale
lettera inviata il 15 gennaio 2014