Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:Rosario Battiato
Email: 
Oggetto:risposta al dott. La Pica 

Gentile dottor La Pica,
la ringrazio per le precisazioni in merito ad una serie di miei lavori, ma terrei ad aggiungere qualche doverosa considerazione. L’idea della Sicilia “perforata” rispetto altre realtà internazionali va sempre rapportata al ruolo rivestito dall’Isola nello scacchiere petrolifero mondiale, senza azzardare paragoni eccessivi con zone che chiaramente possono vantare potenziali completamente differenti. Pertanto, il termine utilizzato nell’inchiesta in questione andava inquadrato nel contesto nazionale. La legislazione regionale e nazionale resta ad ogni modo troppo gentile, non perché sia il sottoscritto a dichiararlo, ma in quanto stiamo parlando di un dato confermato dai più autorevoli commentatori nazionali del settore. Del resto è un settore, non posso permettermi in questa sede di fare le opportune distinzioni tra le specifiche tipologie di lavorazione che rientrano nel mondo petrolifero, che in Sicilia ha certamente prodotto benessere e lavoro, ma ha anche pesantemente compromesso la qualità ambientale dei luoghi. Le royalties versate, le cui cifre sono puntualmente riportate sul sito del ministero dello Sviluppo economico, si riferiscono ai giacimenti a mare. Può trattarsi di una omessa specificazione in rapporto alle royalties pagate complessivamente dalle compagnie per la produzione a terra, ma certamente non si tratta di una cifra “completamente errata” soprattutto quando riportata in un’inchiesta dove si faceva ripetutamente riferimento ai rischi connessi ai giacimenti a mare.
Rosario Battiato
lettera inviata il 11 agosto 2010