Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Giuseppe (Pino) Verbari
Email:giuseppeverbari@libero.it 
Oggetto:Un "pizzo" di Stato 

Un consigliere comunale di minoranza, definisce “pizzo di Stato”, circa la permanenza degli uffici dell’Inps in una cittadina della Calabria e chiedere, di conseguenza, la convocazione di un consiglio comunale ad hoc per discutere sui provvedimenti da prendere contro. Tutto accade in ottica di razionalizzazione della spesa che vede coinvolto l’Inps, nella ricerca delle soluzioni più idonee al rispetto della economicità, efficienza ed efficacia e, che da sempre, contraddistingue il proprio operato nel perfezionamento della soluzione più idonea al perseguimento dell'interesse pubblico.
Adesso, io, da semplice cittadino, mi chiedo, cosa intenda affermare, il consigliere, dicendo “pizzo di Stato”, visto che, certe affermazioni, come questa sono suscettibili di interpretazioni e, per giunta, rivolte a tutte le Pubbliche Amministrazioni, fomentando dubbi sulla fase applicativa di ciò che la “spending review”rappresenta per il governo italiano, sia all'interno della Legge di Stabilità che in ottica europea.
E’ indubbio che i risultati debbano essere perseguiti globalmente e ciò, che non potrebbe essere circoscritto al solo “Job acts”, quale strumento mirato all’attuazione delle riforme all’interno della “Legge di stabilità”. E’ semplicemente riduttivo, visto che, da Bruxelles si fa il punto sui progressi dell'Italia per correggere gli squilibri macro-economici (alto debito pubblico e competitività bassa). Quindi, chiedo, da calabrese, se per “pizzo”, il consigliere, certamente privo di qualsiasi logica esplicativa, intenda, anche, formalizzare le propria teoria mirata a tutt’altro che non sia nel rispetto della Legge.
Indubbiamente, questo modo di procedere, alquanto infelice, è diventato col tempo una prassi consolidata e ha generato la convinzione che si tratti di una spicciola mancanza di rispetto nei confronti di chi si impegna alla soluzione di problematiche contingenti e reali.
lettera inviata il 07 luglio 2015