Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Giuseppe (Pino) Verbari
Email:giuseppeverbari@libero.it 
Oggetto:Tutti contro Carus 

Gent.mo Direttore,
dare un senso alle cose è necessario ai fini dell'azione.

Mi chiedo: è vero che tutti diamo un senso alle cose ma, non tutti diamo lo stesso senso, almeno nella migliore delle ipotesi non tutti raggiungiamo lo stesso risultato, Quindi ci sono i bravi e i meno bravi. Mi riferisco al Coisp, Sap e Caruso, il professore di sociologia che ha militato tra i no-global e insegna all’Università di Catanzaro. C’è chi sostiene che, nella società odierna, tutta focalizzata sulla performance, c'è una forte pressione al conformismo quasi rappresentasse la perfezione.

Ma non sempre perfezionismo fa rima con felicità; al contrario, questa tensione a fare sempre di più e meglio può renderci eternamente insoddisfatti, scontenti, sfiduciati e perennemente in corsa con noi stessi.

Condivido questo parere che mi suggerisce di imparare a essere imperfetti e, quindi, anche più autentici e liberi. In tanti dovrebbero fare lo stesso ed in particolar modo chi, in questi giorni, se la sta’ prendendo proprio con Caruso. Mi chiedo se costoro non affrontassero Caruso in modo semplicistico, ponendo dubbi su alcuni aspetti della vita culturale e, sicuramente, finendo con lo svilire il rapporto con la loro con l'etica, qualora si esporrebbero in modo diverso – non immagino quale- ma, sicuramente differente dall’attuale e, solo allora, potrebbero meglio comprendere l'ambiente che li circonda, e di operare in esso con maggiore consapevolezza, responsabilità e partecipazione. E, tra le parti in disputa, la cosa mi preoccupa perché, anche se mi sono avvicinato nel dubbio alla vicenda, adesso sono sicuro che siamo in buone mani per essere infelici e, per giunta, insicuri.

Giuseppe (Pino) Verbari
lettera inviata il 23 luglio 2015