Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Carlo Alberto Tregua
Email: 
Oggetto:Risposta a giusy Ustica 

Gentile Ustica, ho più volte espresso solidarietà umana a tutti i lavoratori precari nella Pubblica amministrazione. Io stesso sono un precario, perché ho sempre rifiutato i rapporti a tempo indeterminato, salvo l’insegnamento durato sedici anni.
La questione da lei posta è diversa ed è scritta nell’articolo 97 della Costituzione: nella Pubblica amministrazione si entra soltanto dopo avere vinto un concorso. Lei ha fatto il concorso? No? E allora non poteva e non può entrarvi. Si cerchi un lavoro nel mercato, tra le numerose opportunità offerte ai competenti.
Lontanissima l’idea di tranciare opinioni sulla dignità umana dei precari, che è al di sopra di ogni questione lavorativa.
lettera inviata il 18 agosto 2010