Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:Giuseppe (Pino) Verbari
Email:giuseppeverbari@libero.it 
Oggetto:Siamo ancora lontani da risposte soddisfacenti 

"Siamo ancora lontani da risposte soddisfacenti e il percorso è ancora pieno di ostacoli, soprattutto da parte del governo", rispose l'intervistato.
L'argomento riguardava una delle tante realtà che sono all'ordine del giorno.
Esistonoe si fanno sentire; sono i lavoratori che vogliono la verità alle bugie perché nel loro linguaggio, c'è solo verità e la pace. Li guardi nelle manifestazioni, ai comizi, nei cortei, Anche lì, "Il loro silenzio è molto loquace". Non c'è bisogno di parole per far capire quello che solo i loro occhi esprimono perché disperati e si sentono, per giunta, incompresi e soli.
Nella solitudine di chi non riesce ad esprimersi, c'è il ponte della disperazione tra se e il mondo esterno che non lo capisce. La difficoltà di dar voce ai propri pensieri, in sintesi di capire ed essere capiti provoca l'insorgere di sentimenti di rabbia e di scoraggiamento.
Chi sono costoro? Sono coloro che dialogano con i "sordi e ciechi" come lo siamo tanti di noi che preferiamo non sentire e non vedere.
Dialogano con le istituzioni. Costoro, solo il silenzio è quello che avvertono quando cercano anche collaborazione per un fine utile e non la trovano. Quante cose non si sanno e non si fanno. Sembra che le circostanze si divertano. Pil, deficit, spread, quante volte sentiamo queste parole in questi giorni. Sono anch'essi, vittime del silenzio al pari degli ammalati, degli anziani e dei meno dotati.
Bisogna "Farsi voce per chi non ha voce" ed è questo l'impegno di chi è molto sensibile a tutte le iniziative sociali per dar voce a chi ha bisogno e reclama il necessario. Questo è l'impegno del sindacalista, quello vero e, lasciatemi dire, ce ne sono pochi.
lettera inviata il 20 gennaio 2016