Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Lettere al QdS
Autore:Giuseppe (Pino) Verbari
Email:giuseppeverbari@libero.it 
Oggetto:Il dado è tratto 

Dopo 42 anni e 11 mesi di attività all'interno dell'Inps, con decorrenza 1° gennaio 2017, sono in pensione. Nel lasciare l'Istituto provo la stessa emozione di quando sono entrato a far parte di questa grande famiglia in cui la curiosità del domani non è la stessa di oggi per quella di ieri. Ho sempre pronosticato il pari, ultimamente, per accettare gradualmente la sconfitta.
Nel lontano 1974 mi era sembrato una torta con una decina di ciliegine sopra. C'erano i reparti ed al loro interno gli uffici. In tutto erano non più di una diecina con figure ben definite.
Oggi la vedo come una guantiera di mignon in cui, unità organizzative, linee di prodotto e di servizio, posizioni organizzative sperimentali (a saperlo!!!), responsabili di agenzia per i servizi individuali e responsabili di agenzia per i flussi contabili, hanno reso una struttura duttile e ben consolidata in un bacino di interessi personalistici in cui la direzioni e i sindacati, in combutta, hanno avallato soluzioni mirate ai personalismi a discapito di budget gestionali di interesse comune a tutto il personale per l'appannaggio di pochi eletti.
La produttività in ottica di efficacia, economicità ed efficienza, quali presupposti per una oculata gestione mirata al perfezionamento di risultati, si è rivelato un mangia-mangia a favore di alcuni eletti per la quale mi sono reso conto che non tutto è oro quello che luccica e il millantatore, figura emergente, finirà con l'essere ridimensionato nel rispetto di quei valori che, anche se in calo visti i tempi, quali la lealtà, l'onestà e la correttezza nei confronti di chi dedica il proprio impegno con spirito di abnegazione, con dedizione assoluta e disinteressata al bene altrui o ai proprî doveri, spesso accompagnata da una consapevole rinuncia dall'egoismo di cui, costoro, sono intrisi.
Esprimo a tutti voi, il mio più sincero augurio per un futuro pieno di soddisfazioni.
E' difficile
lettera inviata il 02 giugno 2017