Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:Giuseppe (Pino) Verbari
Email:giuseppeverbari@libero.it 
Oggetto:Una nuova forma di modus-operandi 

Sulle strade dove transitano anche i pedoni, gli automobilisti devono prestare un'attenzione continua e non solo in prossimità delle strisce pedonali.
Oltre che per normale senso civico, tale accortezza non va dimenticata anche in ragione delle conseguenze giuridiche di un eventuale investimento.
Il conducente di un veicolo, infatti, può essere responsabile di tale evento anche a prescindere dalla presenza delle strisce pedonali.
Ad averlo ribadito, recentemente, è stata la sentenza numero 4841/2015 della prima sezione civile del Tribunale di Milano.
Quindi, il sindaco e company, per la città, possono esimersi, tranquillamente, dal curare la segnaletica come le strisce pedonali e tant'altro che potrebbe consolidare la sicurezza di tutti, automobilisti e non.
In città, tanto per non uscire dal seminato, questa è la regola.
A Bruxelles, per citarne una che ho visitato, a prescindere dalle eventuali reciproche responsabilità, il pedone rimane un pedone e deve rispettare le strisce pedonali.
Ho visto elevare una multa ad un cittadino italiano che passava sulle strisce quando c'era il rosso.
lettera inviata il 11 settembre 2018