Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lettere al QdS
Autore:Raffaele La Morgia
Email:raf.lamorgia@ngi.it 
Oggetto:2_Agricoltura: Futuro fertile! Come? 

Si sono interessati mai a capire e conoscere a fondo, di cosa
abbisogna, cosa chiede, desidera, vuole, perché e come, in che
quantità e secondo quali cicli temporali? Si sono mai adoperati in
maniera, documentata e ragionata, di capire, non dico accettare
supinamente, cosa vogliono il Trade, l’Ho.Re.Ca., la GdO ecc.?
E la “resistenza a organizzarsi in modo collettivo” non deriva forse dalla
mancanza di cultura d’impresa, di conoscenze sull’organizzazione e
sull’evoluzione dei mercati, che si ampliano sempre più? E la mancanza
di conoscenze dei “poveri” agricoltori a chi si potrebbe addebitare se
non, ma non esclusivamente, alle associazioni di categoria che, sì,
fanno molto, ma probabilmente non a sufficienza!
E dove si dice di volersi-doversi dotare di un “Marchio Siciliano” mi
domando: ma l’Assessorato all’Agricoltura della Regione SICILIA non ha
già avviato, da anni, un’operazione di creazione del marchio “SICILIA
AGRICOLTURA”? A che punto è?
Un dirigente generale dell’Assessorato alle Risorse Agricole e
Agroalimentari, nel giugno u.s., in un’intervista a un noto magazine
online siciliano, argomentava che il suddetto marchio, seppure già
istituito per legge non è ancora riconosciuto a livello comunitario; che
c’era solo un disciplinare generico, ma che si stava lavorando per i
disciplinari specifici dei singoli prodotti.
Mi domando: ma le associazioni di categoria hanno mai profuso tempo e
risorse, dico “tanto” tempo e “tante” risorse, per sollecitare, incalzare,
sino a “perseguitare” chi di dovere, perché un progetto di tale
importanza fosse fortemente sostenuto e gestito in un’ottica, non di
procedura da svolgere come una qualsiasi “pratica” da riporre in
un’usuale carpetta polverosa, ma di obiettivo direzionale da perseguire
in tempi fissati e con un ben preciso livello di qualità, per le enormi e
benefiche ricadute economiche che dovrà generare?
Ci sono molte ragioni per dubitarne!
Una fra tante: a supporto dell’agricoltura, come scritto in articolo
lettera inviata il 10 ottobre 2010