Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Terremoti: l'Italia avrà i primi sismometri in mare

Anche l'Italia avrà i suoi primi sismometri in mare, per migliorare la localizzazione e lo studio dei terremoti.
 
Gli apparecchi saranno installati in prossimità delle piattaforme petrolifere, grazie all'accordo firmato oggi a Roma da Istituto
Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), direzione Generale per la sicurezza anche ambientale delle attività minerarie ed energetiche del ministero dello Sviluppo Economico e l'Associazione Mineraria italiana.
 
L'accordo, operativo da oggi, avrà una durata di 15 anni.
 
"L'Italia - ha detto Doglioni - non ha una rete sismica in mare, ma solo una rete sulla terraferma e questo ha costituto un limite sia per lo studio dei terremoti che avvengono nei mari italiani sia per il monitoraggio della sismicità a terra".
 
Questo fa sì, ha aggiunto, che "i parametri di localizzazione abbiano un'incertezza maggiore nelle zone costiere. Per questo è importante cominciare a costruire una rete sismica in mare come ha fatto da tempo il Giappone".
 
Le piattaforme attive nei mari italiani si trovano in Adriatico Meridionale, Ionio e Canale di Sicilia. Per Franco Terlizzese, del Mise, l'accordo "va a confermare l'impegno del ministero nel garantire lo studio della sismicità naturale e la sicurezza delle attività minerarie".
 
Per il presidente di Assomineraria, Sergio Polito, la collaborazione permetterà di utilizzare la rete di impianti offshore "per l'installazione di sismometri e altri strumenti di rilevazione in aree finora del tutto scoperte dalle reti di monitoraggio".
 
04 maggio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università