Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rugby: pronto bando per terreno di gioco Briganti Librino

"Ho mantenuto la promessa fatta il giorno dopo l'incendio doloso della Club House dei Briganti di Librino: il progetto per il campo è pronto e domani dovrebbe già andare in gara".
 
Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco dopo aver presentato nella sede della società rugbistica di Librino il progetto per il nuovo terreno di gioco dello stadio San Teodoro, che l'Amministrazione ha affidato con una convenzione ai Briganti nel maggio del 2015, per scopi sportivi, culturali e aggregativi.
 
"Neanche un giorno deve essere perduto" aveva detto il due gennaio scorso il Sindaco, recatosi a visitare all'indomani dell'atto vandalico il presidente dei Briganti Stefano Curcuruto con il consulente per lo sport Orazio Arancio.
Bianco aveva dato disposizione agli uffici tecnici di elaborare subito il progetto per il terreno di gioco e altre parti della struttura.
Ieri Bianco ha presentato il progetto di riqualificazione nella sede dei Briganti al direttore sportivo Piero Mancuso, con Arancio, il direttore del Servizio Manutenzioni del Comune Fabio Finocchiaro ed Emanuele Perrotta componente della Commissione impianti della Federazione italiana rugby (Fir).
 
Il rifacimento del campo di gioco del San Teodoro, finanziato con fondi del Patto per Catania, costerà complessivamente 711.000 euro. Con queste somme non solo sarà realizzato un terreno di gioco in erba sintetica con le relative strutture, ma il campo sarà allargato e allungato per rientrare nelle misure minime richieste dai regolamenti della Fir.
Entro il 25 di giugno dovrebbero essere aperte le buste e tra luglio e agosto potrebbero iniziare i lavori, che andranno avanti per poco più di due mesi.
 
"Si tratta - ha detto Bianco - della migliore risposta che la città poteva dare a chi ha appiccato l'incendio quella notte. Le fiamme dovevano distruggere il luogo più importante per questi ragazzi, quello che custodiva la loro memoria ed era intitolato a un giovanissimo rugbista, Giuseppe Cunsolo. Quando andai a visitarli, in gennaio, dissi loro di tener duro, perché se il tentativo era quello di intimidire, la nostra risposta sarebbe stata quella di una squadra. Ho detto ai Briganti che avevano fatto un magnifico lavoro, riconosciuto in tutta la nostra città e anche fuori, ricordando che l'Amministrazione ha sempre inteso dare sostegno incondizionato alle forze vive del quartiere".
 
"Con il nuovo terreno di gioco - ha concluso Bianco -, speriamo di veder tornare in nazionale atleti di quella Catania che ha dato al rugby italiano fior di campioni".

 
05 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università