Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Governo: prima direttiva Di Maio, quattro parlamentari ai tavoli di crisi, ma da uditori

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Luigi Di Maio firma la sua prima direttiva: è quella che riguarda la partecipazione dei parlamentari locali ai tavoli di crisi aziendale.
La novità, annunciata stamane da Di Maio è contenuta in una direttiva emanata ieri.
La notizia si apprende dalla senatrice del M5s Antonella Campagna che in un post spiega: "D'ora in avanti anche i parlamentari di maggioranza e opposizione potranno partecipare al Mise alle riunioni plenarie sulla gestione di crisi di impresa".
Le riunioni plenarie, rimaste finora off limits ai parlamentari eletti dai cittadini - spiega la senatrice - saranno allargate a un massimo di 4 parlamentari, due della maggioranza e due dell'opposizione".
 
Secondo Campagna "la direttiva rappresenta una novità assoluta: nessun ministro prima d'ora aveva firmato un provvedimento simile, che assicura trasparenza e maggiore partecipazione dando la possibilità ai parlamentari di avere un quadro, in presa diretta, sulle trattative tra Governo, azienda e sindacati, che riguardano centinaia di realtà in crisi e la vita di migliaia di lavoratori.
 
Non solo, il provvedimento poi prevede l'attivazione sul sito web del ministero dello Sviluppo economico di un sistema di prenotazione, che deputati e senatori potranno utilizzare per chiedere di prender parte alle riunioni e i criteri da seguire. E' un primo passo, che va nella direzione giusta, è uno dei primi atti del 'Governo del Cambiamento'".
 
Nel caso in cui le prenotazioni di parlamentari siano più di 4 - si legge nel testo della Direttiva - "il criterio preferenziale è riconosciuto al Parlamentare del collegio elettorale ove si manifesta la crisi di impresa secondo l'ordine cronologico della richiesta". C'è però un limite per i parlamentari che partecipano: "tenuto conto che la gestione delle vertenze delle imprese in crisi rappresenta un momento dell'attuazione della politica generale dell'esecutivo i Parlamentari possono partecipare alle riunioni plenarie esclusivamente nella veste di uditori".
 
07 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università