Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Francia: polemiche per il no agli smartphone in classe anche a fini didattici

Polemiche in Francia per la decisione dell'assemblea nazionale di imporre un "divieto effettivo" dei cellulari in classe, a partire dal prossimo anno scolastico, nelle scuole medie e superiori.
 
Dall'opposizione piovono critiche anche perché in realtà il Paese si era già pronunciato sul divieto di smartphone in classe, tanto che, almeno da un punto di vista teorico, già adesso i telefoni dovrebbero restare spenti negli zaini.
 
Tuttavia, ogni istituito ha la facoltà di applicare tale restrizione in misura maggiore o minore.
 
Nel corso della campagna elettorale che lo ha consacrato presidente, Emmanuel Macron aveva fatto dell'abolizione dei cellulari in classe - provvedimento giudicato da altri tanto inutile quanto ipocrita - uno dei propri cavalli di battaglia.
 
Il provvedimento riguarderà tutti gli studenti, visto che secondo i dati il 93% dei francesi tra i 12 e i 17 anni possiede un telefono cellulare.
 
Nel settembre scorso, il ministro dell'Istruzione, Jean-Michel Blanquer, citò ad esempio le riunioni del consiglio dei ministri all'Eliseo, da cui i telefoni cellulari sono stati banditi, con l'obbligo per i ministri di lasciarli in un apposito scaffale all'ingresso.
 
 
 
 
 
 
 
08 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università