Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rifiuti: Musumeci,contro emergenza serve concorso di tutti

 
"Sono vent'anni che in Sicilia si rincorre l'emergenza rifiuti. Per uscirne presto e bene serve il concorso di tutti: Regione, Comuni e cittadini".
 
Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, rispondendo indirettamente alle critiche mosse dal deputato del Movimento 5Stelle, Giampiero Trizzino, che ha presentato un ddl sui rifiuti.
 
"Il governo regionale - ha affermato il Governatore - ha ereditato una situazione gestionale dei rifiuti in Sicilia più che disastrosa. Basti vedere le oltre quaranta ordinanze emanate dal precedente presidente. Subito dopo l'insediamento del mio governo, la prima ordinanza emessa per obbligo istituzionale, altrimenti il sistema andava in crisi, conteneva molte deroghe alla gestione dei rifiuti. Tali criticità, nell'arco di pochi mesi, sono state circoscritte alla sola autorizzazione dell'impianto di pre-trattamento nella discarica Cava dei Modicani a Ragusa".
 
"Bisogna chiarire - ha aggiunto - che l'obbligo del trasferimento dei rifiuti fuori dalla Sicilia era già stato prescritto, precedentemente, dal ministro dell'Ambiente ed è stato disposto nella recente ordinanza emergenziale della Protezione civile nazionale di marzo, a cui la Regione sta dando attuazione. E' il sistema normativo vigente che attribuisce la gestione integrata e quindi l'eventuale trasferimento della spazzatura fuori dalla Regione a carico dei Comuni e degli Enti gestori".
 
"Per consentire il ripristino della normalità - ha spiegato Musumeci - nei giorni scorsi ho firmato un'ordinanza, individuando un cronoprogramma degli interventi prescrittivi, in linea con il Piano stralcio approvato all'unanimità dalla Commissione Ambiente dell'Ars. Un documento che contiene le linea guida per la 'nuova' gestione dei rifiuti, nelle more dell'approvazione del Piano regionale per conseguire un assetto finalmente ordinario e trasparente della gestione".
 
Ai Comuni, infatti, viene imposto di attivare - come già previsto dall'ordinanza del 28 febbraio - ogni azione utile per incrementare le percentuali di raccolta differenziata entro il 30 giugno e conseguire, entro il primo ottobre, risultati concreti del 35 per cento.
15 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università