Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ex sindaco ucciso nel Nisseno, due boss condannati a trent'anni

La Corte d'assise d'appello di Catania ha condannato a 30 anni ciascuno i fratelli Pino e Vincenzo Cammarata, entrambi boss di Riesi (Caltanissetta), considerati i mandanti dell'omicidio di Vincenzo Napolitano, ex sindaco del piccolo centro del Nisseno.
 
Napolitano fu ucciso con colpi d'arma da fuoco la sera del 23 maggio del 1992 in via Roma, a Riesi, poche ore dopo la strage di Capaci. Proprio per questo motivo l'episodio passò quasi inosservato.
 
Al momento del delitto la vittima non era più in carica, ma secondo l'accusa i fratelli Cammarata ne ordinarono la morte in quanto sospettavano Napolitano di essere legato alla Stidda, l'organizzazione rivale di Cosa nostra, alla quale faceva invece riferimento il clan Cammarata.
 
I due imputati erano stati condannati a trent'anni in primo grado, assolti in appello a Caltanissetta; poi la Cassazione aveva annullato la sentenza rinviando gli atti a Catania perché nel capoluogo nisseno c'è una sola sezione di assise d'appello, che non poteva tornare a trattare il processo, avendo già deciso sul fatto.
16 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università