Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Reati tributari: tegola sul Palermo calcio, sequestro da un milione

C'è un altro capitolo nell'inchiesta sui conti del Palermo calcio e sui reati di riciclaggio, auto riciclaggio e falso in bilancio contestati al proprietario della società, Maurizio Zamparini.
 
Nel pomeriggio i militari della Guardia di finanza hanno notificato alla società di viale del Fante il sequestro di circa un milione di euro (la Procura del capoluogo siciliano aveva chiesto un provvedimento molto più pesante: oltre 50 milioni di euro e farà appello al Riesame).
 
Davanti al gip Fabrizio Anfuso ha retto - ai fini del sequestro - solo l'ipotesi di reati tributari.
 
In questa nuova fase dell'inchiesta è entrato anche il presidente della società, Giovanni Giammarva che avrebbe violato l'articolo 2638 del Codice civile e cioè l'ostacolo all'esercizio delle funzioni dell'autorità pubblica di vigilanza.
 
Secondo le nuove ipotesi della Procura, il Palermo avrebbe ottenuto fino al 2018 le certificazioni della Covisoc (la Commissione di vigilanza sulle società di calcio professionistiche) sui bilanci grazie a comunicazioni non del tutto esatte. Per la Procura, nonostante il pronunciamento del Tribunale che recentemente ha respinto l'istanza di fallimento, sarebbe sospetta l'operazione che ha portato alla cessione della Mepal (proprietaria del marchio) ad Alyssa, società lussemburghese riconducibile alla famiglia Zamparini.
 
Per il tribunale e per i suoi consulenti non c'è ragione di credere che Alyssa non salderà il debito con il Palermo (la Procura è di parere contrario) e, in ogni caso, la Mepal tornerebbe nella disponibilità della società sportiva. La società attende gli sviluppi dell'inchiesta giudiziaria, giunta ormai alle battute finali (entro l'anno ci sarà la chiusura delle indagini), mostrandosi fiduciosa nel buon esito della vicenda.
 
Dalla società fanno sapere che gli stipendi ai dipendenti sono stai già pagati e non ci saranno ripercussioni sul futuro del club, mentre si attendono gli esiti della giustizia sportiva sul fronte del match contro il Frosinone.
 
Il Palermo ha perso la finale dei play off per la promozione in A, giocata contro i laziali, e ha presentato ricorso per quanto accaduto nella partita di ritorno a Frosinone. Inoltre, l'esito di un'altra inchiesta sulla gara Parma-Spezia, vinta dagli emiliani, promossi nella massima serie, potrebbe cambiare i destini sportivi del Palermo.
 
25 giugno 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università