Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo: spaccatura al Comune nel M5s, Gelarda lascia il gruppo

La rottura, stavolta definitiva, si è consumata all'interno del Movimento 5 Stelle nel Comune di Palermo.
Il consigliere Igor Gelarda, ispettore di Polizia, molto vicino al vice premier e leader politico del M5S Luigi Di Maio, si è dichiarato "indipendente", da quella che ha definito "la corrente Forello", composta oltre che dall'ex candidato sindaco grillino Ugo Forello anche da Concetta Amella, Antonino Randazzo, Viviana Lo Monaco e Giulia Argiroffi.
 
Una lenta divisione che perdura ormai da qualche mese che oggi è diventata vera e propria frattura.
 
"Abbiamo - ha detto Gelarda - un modo diverso di intendere il ruolo di portavoce e di interpretare l'essere del e nel movimento. Una frattura di contenuti non conciliabili: i miei in linea con Luigi di Maio, capo politico del movimento e i loro in linea piuttosto con esponenti di quella che è sembrata diventare una corrente avversa alla linea politica del movimento".
 
Lunedì scorso si è svolta una riunione di tutti gli eletti nel Movimento 5 stelle a Palermo: incontro che sarebbe dovuto servire da occasione per riprendere le fila del ragionamento.
 
"Un modo - ha aggiunto Gelarda - per rilanciare il M5s a Palermo dentro la linea governativa, la sola che il movimento, che non ammette correnti, può accettare. Ma la riunione ha mostrato, invece, tutta la fragilità del momento. Nessuna posizione infatti è stata presa sulla censura che i miei colleghi fanno al mio operato, sull'isolamento in cui hanno cercato di ridurmi, sulle gravi accuse rivolte a Cancelleri sulla chiusura dei porti, sul colpo di mano che mi ha esautorato dall'uso della pagina ufficiale del Movimento 5 stelle Palermo e su alcune scelte errate, secondo me, fatte in Consiglio comunale, ed ancora sulla mancata comunicazione con gli attivisti".
 
"A questo aggiungo - ha concluso Gelarda - i molti altri argomenti dei quali ho già informato, in più occasioni, i probiviri e che cercherò di non rendere pubblici, finché sarà possibile, per tutelare l'immagine del M5s".
05 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università