Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Migranti: specialisti, falso che malattie infettive giungano in Italia con i barconi

"E' falso che i migranti portano in Italia e in Europa malattie. Oggi il tema delle migrazioni è diventato terreno di scontro politico, ideologico e sociale, e spesso è caratterizzato dal ricorso a luoghi comuni e semplificazioni che hanno gravissime conseguenze su due imprescindibili capisaldi della convivenza: la dignità umana e il diritto universale alla salute".
 
Lo affermano i medici Vito Di Marco epatologo del Policlinico di Palermo e Tullio Prestileo, dirigente dell'unità operativa Malattie Infettive dell'Ospedale Civico di Palermo che con il gruppo di lavoro (Immigrant Take Care Advocacy) I.Ta.C.A. da oltre 3 anni è impegnato in programmi di accoglienza, assistenza e cura dei migranti, ha voluto rimarcare alcune criticità nella giornata dedicata alla micro-eradicazione dell' epatite C che si è tenuta a Palermo.
 
"Il problema dell'epatite C è molto contenuto (1-2% dei migranti che arrivano in Sicilia, mentre è più rilevante il fenomeno dell'epatite B (circa il 10%). - aggiungono - Entrambe la malattie sono curabili con farmaci disponibili in Europa e quindi è importante fare sapere che i giovani migranti provenienti dall'Africa non portano molte malattie e che quelle che hanno possono essere individuate e facilmente curabili".
"Si devono mettere in campo iniziative per proteggere i diritti umani di tutti i rifugiati e migranti sempre e in qualunque situazione - aggiungono i medici che hanno stilato un manifesto dopo la giornata di studio - Condannare fermamente la xenofobia. Educare alla tolleranza e contrastare tutte le forme di violenza. Garantire la salute di tutti, ma soprattutto dei più fragili come le donne e i bambini".
 
"Per questo -concludono - bisogna fornire conoscenze e indicazioni specifiche per migliorare l'accesso ai servizi socio-sanitari e ai programmi di screening. Offrire un'adeguata assistenza sanitaria attraverso programmi specifici di accoglienza, presa in carico, prevenzione, diagnosi, cura e follow-up per tutte le malattie".
 
07 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università