Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rifiuti: Musumeci, emergenza normalizzata entro due anni, stiamo bonificando discariche pericolose

"Con i rifiuti stiamo andando avanti, l'esercito in Sicilia andrebbe impiegato contro i delinquenti e la criminalità. Stiamo facendo in 8-10 mesi quello che non si è fatto negli ultimi 25 anni".
 
Lo ha detto il presidente della regione siciliana, Nello Musumeci, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla richiesta di revoca del presidente chiesto dai grillini, i quali hanno invocato anche l'invio dell'esercito in Sicilia per l'emergenza rifiuti.
 
"Siamo contenti delle tappe raggiunte - ha aggiunto Musumeci - crediamo che la situazione dei rifiuti sarà normalizzata entro un paio d'anni e noi stiamo mantenendo gli impegni, a dicembre presenteremo il piano rifiuti".
 
Il Governatore ha spiegato che la Regione sta lavorando "alla bonifica delle discariche pericolose".
 
"In Sicilia - ha detto - ce ne sono 510, non sappiamo quante di queste siano effettivamente pericolose lungo le falde acquifere, perché alcune sono dormienti, per questo abbiamo stipulato una convenzione con la struttura del dissesto idrogeologico e con l'istituto nazionale di geofisica e vulcanologia per potere affrontare l'emergenza bonifiche dato che non disponiamo del personale sufficiente".
 
"Abbiamo spiegato ai Comuni - ha detto ancora - che l'invio dei rifiuti all'estero è una loro competenza come stabilito dal governo nazionale. Abbiamo spiegato che la soluzione per affrontare il problema delle discariche sature, visto che nessuno si è mai preoccupato di creare nuovi impianti in Sicilia, comporta di mandare fuori intorno al 30 % dei rifiuti, ma ripeto, questo non è un compito della Regione".
 
Secondo Musumeci "I sindaci virtuosi ci sono, infatti sono oltre 150 quelli che hanno superato il 50% della differenziata e in pochi mesi siamo passati dal 15% al 27 % della raccolta, questi sono risultati importanti, per questo sono convinto che riusciremo con i comuni ad evitare soluzioni traumatiche".
 
"Va ricordato - ha concluso - che i Comuni hanno prodotto con le società di ambito Srr , cioè da meno di dieci anni, un miliardo e 800 milioni circa di debiti, questo dimostra come la legge 9 non sia stata una buona legge, per questo la stiamo modificando con un ddl".
 
12 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università