Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Furti: Polizia sgomina banda nel Nisseno, undici ordinanze anche per ricettazione e danneggiamento

Un'ordinanza cautelare per undici indagati è stata eseguita da personale del Commissariato della polizia di Gela che ha sgominato banda dedita alla commissione di furti e al riciclaggio.
 
Secondo gli investigatori la banda costituiva una squadra talmente affiatata in furti e ricettazione da creare un nuovo allarme sociale in città.
 
La polizia li ha sottoposti a misure restrittive su ordine del gip, Lirio Conti, che ha accolto le richieste dei pm Fernando Asaro ed Eugenia Belmonte.
 
Per quattro la custodia cautelare in carcere: Mirko Russello, di 29 anni, il leader indiscusso della banda, il quale impartiva ordini malgrado fosse detenuto a Trapani, Salvatore Raniolo, di 37 anni, e Francesco Caci, di 29 anni, mentre il quarto è risultato irreperibile; altri quattro agli arresti domiciliari: Gianluca Scollo, di 33 anni, pluripregiudicato, numero due della organizzazione, Vincenzo Scerra, di 22 anni, figlio di un imprenditore gelese, Nunzio Vinelli, di 40, e Vincenzo Cassisi, di 29 anni.
 
Tre i sottoposti a obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: Francesco e Salvatore Alma, rispettivamente di 44 anni e 22 anni, e Liborio Orazio Scollo.
 
Dal 2016 ad oggi avevano rubato, secondo l'accusa, una trentina di automobili di grossa cilindrata, altrettante moto da competizione, che venivano alterate e riciclate mentre molte componenti meccaniche venivano rivendute come pezzi di ricambio. Una delle automobili da loro taroccate è stata sequestrata in Germania.
 
L'inchiesta è scattata nel novembre del 2015 come indagine secondaria del furto di una borsa contenente 13 mila euro in contanti.
 
I sospetti ricaddero sul gruppo di persone che abitavano quasi tutti nel rione Settefarine.
 
Intercettazioni di conversazioni in codice, pedinamenti e appostamenti, eseguiti da agenti camuffati o da finte coppiette, hanno permesso di fare luce sulla organizzazione sgominata con gli arresti di stanotte, nell'operazione denominata "fast and Furiosus", dall'omonima serie televisiva.
 
13 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università