Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Migranti: Anche pm Agrigento indagano su annegati Linosa, Open Arms denuncia per omissione soccorso

Anche la Procura di Agrigento, dopo quella di Ragusa, ha aperto un fascicolo sulla vicenda dei migranti che sabato scorso tra Linosa e Lampedusa sono stati soccorsi dalla nave "Monte Sperone" della Guardia di finanza e da motovedette italiane.
 
All'appello mancherebbero, secondo le testimonianze dei migranti poi sbarcati a Pozzallo, almeno quattro somali tra cui un bambino.
 
Il gip di Ragusa, che ha convalidato il fermo di 11 scafisti, ha fatto cadere l'accusa di morte come conseguenza di altro reato: i migranti scomparsi si sarebbero infatti lanciati in mare volontariamente.
 
Ma ora la Procura di Agrigento intende approfondire le circostanze in cui i quattro sarebbero annegati.
 
Intanto la Ong Proactiva Open Arms ha presentato al tribunale di Palma di Maiorca una denuncia per omissione di soccorso per quanto avvenuto nei giorni scorsi davanti alla Libia.
 
Lo ha riferito Annalisa Camilli, la giornalista di "Internazionale", aggiungendo che la denuncia è stata presentata dal fondatore della Ong Oscar Camps e dall'ex giocatore della Nba Marc Gasol.
 
Nel trattempo alcuni tra i quindici migranti - sei uomini e nove donne - giunti ieri sera a Lampedusa a bordo di una piccola imbarcazione, hanno raccontato di aver trascorso tra gli otto e i dieci mesi in Libia, dove hanno subito torture, prima di trasferirsi in Tunisia per affrontare la traversata.
21 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università