Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rifiuti: sconfitta di Musumeci, il Tar sospende l'ordinanza della Regione sui Comuni, l'opposizione dei sindaci Orlando e Pogliese

L'ordinanza del governo Musumeci che imponeva ai Comuni di conferire i rifiuti all'estero se non raggiungevano il 30% di differenziata è stata sospesa dal Tar di Palermo.
 
Il primo round dello scontro tra i sindaci e il governo Musumeci va ai primi cittadini.
 
Il presidente del Tribunale amministrativo Calogero Ferlisi ha accolto la richiesta di sospensiva dell'ordinanza Musumeci presentata dai sindaci di Palermo e Catania.
 
Secondo l'ordinanza gli accordi andavano firmati entro il 31 luglio pena la decadenza di sindaci e giunte.
 
I sindaci, e l'Anci in generale, chiedono più tempo per firmare accordi per l'invio fuori regione dell'immondizia e contestano l'obbligo di dover firmare contratti con le quattro società individuate dalla Regione senza gara ma con un semplice avviso: si tratta di una ditta di Bolzano, della D'Angelo di Trapani, della Tech servizi di Floridia e della Sicula trasporti di Lentini.
 
Per il presidente del Tar, "dal limitato ed interinale accoglimento della misura cautelare (cioè della parziale sospensione dell'ordinanza solo nella parte riguardante la decadenza dei sindaci, ndr) non sembra possa derivare alcun serio inconveniente per l'amministrazione regionale, che anzi potrà fruire di un certo lasso di tempo per sollecitare i comuni interessati ad attuare, in concreto, l'imprescindibile principio di 'leale collaborazione' con la Regione per una definitiva soluzione dell'ultradecennale situazione di emergenza legata allo smaltimento dei rifiuti; nel medesimo lasso i tempo, l'amministrazione regionale ben potrà, tramite i nominandi commissari, disporre tutte le misure ritenute più appropriate per realizzare, in sostituzione dei comuni inadempienti, gli obiettivi perseguiti dall'ordinanza impugnata".
 
Secondo i giudici, "viceversa, la prevista decadenza degli organi comunali potrebbe, verosimilmente, determinare una gravissima situazione di conflitto istituzionale ed amministrativo tale da pregiudicare, comunque, il raggiungimento di quegli stessi obiettivi ragionevolmente e legittimamente perseguiti dall'ordinanza impugnata".
 
 
 
25 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università