Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Razzismo: "Vattene via, sporco negro", senegalese picchiato a Partinico mentre serviva ai tavoli in un bar

Un giovane senegalese di 19 anni, richiedente asilo, è stato aggredito e offeso con insulti razzisti a Partinico (Pa) mentre lavorava servendo ai tavoli in un bar in piazza Caterina.
 
Il giovane, da due anni ospite di una comunità, ha presentato una denuncia ai carabinieri dopo che un gruppo di ragazzi italiani lo ha aggredito sul posto di lavoro provocandogli ferite al labbro e alle orecchie guaribili in sette giorni.
 
Il ragazzo dopo essere stato insultato è stato preso a pugni e calci, mentre il gruppo gli urlava: "Vattene via sporco negro".
 
"Non ho reagito - ha raccontato il senegalese - perché gli educatori della comunità mi hanno insegnato a non reagire".
 
Indagini sono in corso da parte dei carabinieri per risalire agli aggressori.
 
L'episodio ha provocato una serie di reazioni sul profilo Partinico e-news su Facebook.
 
C'è ad esempio chi come Vito Inghilleri afferma che: "l'inciviltà e l'ignoranza di questo paese sta rasentando i limiti della decenza e della civile convivenza, che schifo, da umanista non posso che essere indignato di fronte a tanta barbarie, ma dove abbiamo sbagliato?? La scuola, le istituzioni, la Chiesa, come è stato possibile arrivare a tutto questo? E' evidente che qualcosa non ha funzionato, è ora di agire tornare ad educare" una società che sempre più sta andando alla deriva. Incalza Enza Quartuccio: "La democrazia si perde poco per volta".
 
Per Fabio Davì: "la xenofobia va combattuta, questo é il risultato di tutti le chiacchiere che si sentono sul conto degli extra comunitari e della loro presunta paga giornaliera, ma il valore umano che fine ha fatto? Ormai si sta percorrendo la strada del declino umano, che vergogna, che inciviltà, che amarezza. Esorta Rosetta Iacona: "fermate gli slogan pieni d'odio razzista". Per Chiara Gibilaro: "è sconvolgente : questa è mancanza di rispetto per la persona". Ma nel coro di solidarietà vi sono anche voci stonate.
 
Sbotta Filippo Giangrande: "Il ragazzo di colore va difeso? E a me che un mese fa mi hanno puntato il coltello e fregato il telefono chi mi ha difeso? Se ne devono andare tutti a casa".
 
 
28 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università