Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Concussione: soldi da imprenditori in cambio del dissequestro dei beni, condannato maresciallo dei Carabinieri

Il Tribunale di Marsala ha condannato a cinque anni e mezzo di reclusione per concussione il maresciallo dei carabinieri, Martino Martellotta.
 
Martellotta è accusato di avere chiesto ingenti somme di denaro a imprenditori ai quali aveva sequestrato capannoni aziendali e officine per abusivismo edilizio e violazioni di natura ambientale.
 
Il denaro, secondo l'accusa, sarebbe stato chiesto per favorire i dissequestri.
 
I fatti contestati al sottufficiale dell'Arma si sono svolti a Mazara del Vallo (Tp), dove Martellotta ha prestato servizio dal gennaio 2010 al marzo 2014.
 
Il militare si è sempre difeso affermando che chi lo accusa ha motivo di rivalsa nei suoi confronti proprio per i controlli e i sequestri da lui effettuati.
 
Uno dei suoi accusatori, l'imprenditore edile mazarese Fabrizio Vinci, 48 anni, è stato arrestato dai carabinieri il 10 maggio 2017 nell'ambito dell'operazione antimafia "Visir" ed è attualmente sotto processo davanti il Tribunale di Marsala.
 
Il maresciallo Martellotta, attualmente sospeso dal servizio e al 50% dello stipendio, è stato assolto "perché il fatto non sussiste" dall'accusa di abuso in atti d'ufficio.
31 luglio 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università