Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Razzismo: giovane picchiato a Lercara Friddi, il padre adottivo, lo hanno insultato e gli hanno rotto la mandibola

"Mio figlio era a terra mezzo morto ed è stato offeso. Gli amici mi hanno raccontato che sono arrivati due balordi; uno di questi gli ha buttato a terra il cappellino. Davide ha risposto 'ma perché lo stai facendo? Raccoglimi il cappellino'. Lo ha raccolto lui e mentre si alzava hanno cominciato a picchiarlo. Gli hanno rotto la mandibola. Adesso è sotto choc e non avrebbe mai pensato che oltre alle botte sarebbe stato insultato in modo così violento. Mentre lo picchiavano gli hanno detto 'sporco negro tornatene a casa , non sei degno di stare con noi'".
 
Il racconto è di Giuseppe Mangiapane, padre di Davide, 23 anni, il giovane figlio di una coppia di mauriziani ma nato a Palermo e adottato dopo la nascita da una coppia di San Giovanni Gemini (Ag).
 
Il giovane è stato picchiato e offeso il 21 luglio scorso fuori dal pub 51 a Lercara Friddi (Pa).
 
Davide è ricoverato nell'ospedale Civico nel reparto di Chirurgia Plastica: ha una prognosi di 30 giorni.
 
I carabinieri hanno acquisito filmati e testimonianze per risalire ai due aggressori che sono stati denunciati per lesioni personali e violenza.
 
Sarebbero un giovane di Lercara Friddi di 29 anni che fa il magazziniere e un suo parente di 16 anni.
 
Davide è un ballerino molto conosciuto a San Giovanni Gemini.
 
I cittadini del centro agrigentino hanno realizzato un video dove dicono "Oggi anch'io mi sento nero".
 
02 agosto 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università