Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Tumori: pancreas, il cannabidiolo potrebbe triplicare le possibilità di sopravvivenza

Cancro al pancreas e cannabidiolo: la molecola della cannabis sarebbe in grado di triplicare la sopravvivenza di chi è affetto da uno dei tumori più aggressivi che si conoscano.
 
Se coadiuvato con farmaci chemioterapici, infatti, il CBD potrebbe dare nuove speranze in ambito medico secondo quanto risulta da un nuovo studio della Queen Mary University di Londra dopo una sperimentazione condotta sui topi.
 
Una determinata combinazione di farmaci, infatti, sarebbe in grado di bloccare una proteina chiamata GPR55, rallentando la crescita delle cellule tumorali pancreatiche.
 
Si apre così un nuovo fronte sull’utilizzo terapeutico della cannabis.
 
Il cannabidiolo è una delle componenti presenti nella pianta della Cannabis sativa, non è un composto psicoattivo come il THC o delta-9-tetraidrocannabinolo, che, invece è alla base degli effetti antidolorifici ed euforizzanti.
 
Al contrario, il CBD è già noto nella sperimentazione scientifica come antiossidante e antinfiammatorio, ma anche efficace contro la schizofrenia, il disturbo d’ansia sociale e la depressione.
 
Negli esperimenti sui topi, gli studiosi hanno somministrato contemporaneamente CBD e un farmaco chemioterapico comune, la Gemcitabina, rilevando una sopravvivenza media di 56 giorni, contro i 23,5 giorni di sola chemioterapia.
 
Il CBD è già approvato per l’uso in clinica e in più i ricercatori aggiungono che il CBD è anche noto per migliorare gli effetti collaterali della chemioterapia, tra cui nausea, diarrea, vomito, il che significa che potrebbe anche dare una marcia in più alla qualità della vita dei pazienti sottoposti a chemio.
 
Anche se la ricerca al momento è sui topi, lascia ben sperare: secondo i ricercatori, se questi effetti si riproducono nell’uomo, il cannabidiolo potrebbe essere utilizzato nelle cliniche oncologiche anche immediatamente, senza dover aspettare che le autorità approvino un nuovo farmaco.
 
 
03 agosto 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università