Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Case a nomadi: a Palermo 2.240 famiglie in elenco emergenza, prosegue presidio anti rom

A Palermo prosegue il presidio anti rom, dopo l'affidamento di una villa confiscata alla mafia ad alcune famiglie sfrattate dal campo della Favorita.
 
Una guerra che coinvolge poveri di ogni quartiere: sei anni fa nel capoluogo siciliano le famiglie che facevano parte della graduatoria comunale per l'assegnazione di case erano circa 800, oggi (l'ultimo elenco è stato stilato lo scorso 23 febbraio dal "Servizio dignità dell'abitare") sono 2.240.
 
Dal 2012 è cresciuto anche il numero degli occupanti abusivi di immobili, passati da circa 200 a oltre 800; i cento che sei anni fa dormivano per strada sono diventati almeno 500.
 
Sono alcune cifre fornite dal Comitato di lotta per la casa.
Nino Rocca, che ne è un esponente e che da oltre trent'anni si occupa dell'emergenza abitativa, spiega che a bloccare lo scorrimento della graduatoria contribuisce innanzitutto "la mancanza di un elenco dei beni di proprietà del Comune da cui attingere per le assegnazioni".
 
Sembra paradossale, ma l'assessorato al Patrimonio non lo possiede e dunque non riesce a trasmetterlo al competente assessorato alla Cittadinanza sociale.
 
"Molti beni - dice Rocca - non sono neanche registrati al catasto, altri - quelli confiscati alla criminalità - non hanno le caratteristiche architettoniche per poter essere dati alle famiglie: in prevalenza si tratta di ville, come quella di via Felice Emma assegnata ai rom. Questo genere di immobili viene in genere affidato ad associazioni".
 
"E' da non sottovalutare - aggiunge - che i funzionari degli uffici comunali, tra tanta confusione, temono di commettere errori e di incorrere in condanne della Corte dei conti. Così nessuno si assume la responsabilità di mettere un timbro e una firma in calce a un elenco che potrebbe contenere errori".
 
Infine, i 20 milioni di euro dell'Ue assegnati con il cosiddetto Pon Metro per progetti di inclusione sociale, rischiano di non poter essere utilizzati.
 
"Il Comune - conclude Rocca - dovrebbe anticipare la somma e farsi restituire i soldi a lavori ultimati. Ma l'amministrazione è in bolletta e anche questa opportunità potrebbe essere persa".
 
10 agosto 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università