Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ponti, viadotti e cavalcavia, fondi per manutenzione Palermo: 2 milioni e 800 mila euro per il 2018

L'Amministrazione comunale, dopo gli stanziamenti annuali di mezzo miliardo di euro del 2015 e del 2016, ha approvato la costituzione di un fondo di 2 milioni e 800 mila euro per il 2018, attraverso un mutuo già contratto con la Cassa Depositi e Prestiti, per interventi sui ponti, viadotti e cavalcavia presenti nel territorio cittadino.
 
Le somme si potranno utilizzare non appena sarà approvato il bilancio dal Consiglio comunale.
 
Il crollo del ponte Morandi a Genova chiama l'allerta anche a Palermo e il sindaco Leoluca Orlando, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo delle Aquile, alla presenza del vice sindaco Sergio Marino e del capo area tecnica del Comune Nicola Di Bartolomeo ha illustrato il programma del Comune per la manutenzione dei manufatti esistenti.
 
Se ne contano in totale 25, censiti attraverso un catasto informatizzato. Si tratta di un data base delle infrastrutture e delle condizioni d'uso e di conservazione realizzato dai tecnici dell'area Rigenerazione urbana, opere pubbliche ed attuazione delle politiche di coesione.
 
Tra le priorità - si legge nel programma illustrato - ci sono gli interventi sul Ponte Corleone, nel viadotto sul sottopasso di via Emily Bach, le indagini sul ponte a mare di via Messina Marine, sui cavalcavia di via Mater Dolorosa, via Conte Federico (in collaborazione con Anas), via Ernesto Basile (compresi ponte e canale), piazza V.E. Orlando, via Pitrè, via Belgio, via Lazio, piazza XIII Vittime, il cavalcavia ferroviario di via Notarbartolo. Ed ancora, il viadotto sulla trincea ferroviaria via Alessi, il ponte di via Altofonte (completamento delle indagini conoscitive), via Giafar lato valle ferroviario, il sovrappasso via Mattarella (a villa Trabia), il ponte di San Martino a Boccadifalco, e le indagini sul ponticello San Martino via S. Pietro.
 
E' stato verificato che in passato l'Amministrazione comunale era intervenuta tra il 2000 e il 2010 su alcune infrastrutture: ponte Corleone, viadotto sulla ferrovia di via Emiro Giafar, viadotto sul sottopasso di piazza XIII vittime, ponte sulla trincea ferroviaria di via Notarbartolo.
 
E comunque, il comune nel 2015 aveva realizzato una serie di opere di manutenzione considerate prioritarie, affidate ai lavoratori del Coime, sui sottopassi di via Belgio e via Lazio, sul ponte Bailey, sui sottopassi di innesto e uscita dall'autostrada A29 da via Ugo La Malfa; sul ponte in via Alessi, sul viadotto della Circonvallazione, nei pressi dello svincolo Brasa in via Ernesto Basile.
 
Sono stati inoltre realizzati e si stanno realizzando altri interventi su altre opere che hanno bisogno di manutenzione. Grazie alle risorse del bilancio comunale 2017, altri lavori sono stati portati avanti sul ponte Corleone ed è previsto inoltre un primo intervento sul ponte di via Oreto.
 
Entro l'anno, inoltre, saranno appaltati i servizi di ingegneria per le verifiche del ponte Oreto; ponte di Mare e ponte Corleone. Nel frattempo, al Comune stanno progettando: il nuovo ponte sull'Oreto di collegamento tra l'area del cimitero di Santo Spirito e la Guadagna; il nuovo svincolo Leonardo Da Vinci sul viale della Regione Siciliana; la riqualificazione dello svincolo Brasa sul viale della Regione Siciliana; quattro sovrappassi pedonali sul viale della Regione Siciliana, uno su via Lanza di Scalea ed un altro su via dell'Olimpo; infine, il nuovo ponte di Boccadifalco su via San Martino.
 
Entro la fine dell'anno, si legge sempre nel programma, saranno appaltati i servizi di ingegneria per la progettazione di nuove infrastrutture come il raddoppio del ponte Corleone; lo svincolo e il cavalcavia di via Perpignano sul viale della Regione Siciliana, il nuovo viadotto sulla trincea ferroviaria della stazione Notarbartolo a prolungamento della via Rapisardi.
 
La Presidenza della Regione ha manifestato il proprio assenso a realizzare, con progettazione e risorse proprie, il nuovo svincolo autostradale in prossimità del nuovo centro direzionale sull'area dell'ex ente minerario siciliano nella zona di via Ugo La Malfa.
 
24 agosto 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università