Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rifiuti: sequestrata area comunale nel Messinese, tre indagati. Cassonetti stracolmi per sciopero a Canicattì

Un'area di circa trecento metri quadrati di proprietà comunale utilizzata come sito di stoccaggio dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata è stata sequestrata a Monforte San Giorgio (Messina) dai Carabinieri perché non aveva i requisiti previsti dalla normativa di settore ed era priva di autorizzazioni.
 
I militari hanno anche notificato un'informazione di garanzia a tre persone indagate in concorso per i reati di frode nelle pubbliche forniture e attività di gestione di rifiuti non autorizzata.
 
I carabinieri hanno eseguito un provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto su richiesta della Procura a seguito delle indagini coordinate dal sostituto procuratore Matteo De Micheli e dal procuratore Emanuele Crescenti.
 
Il sequestro scaturisce da un controllo effettuato nel settembre del 2018 dai carabinieri e dall'Arpa di Messina all'interno dell'area del comune di Monforte San Giorgio.
 
Secondo quanto accertato, l'area è stata adibita alla raccolta e allo stoccaggio dei rifiuti in violazione dell'apposita convenzione stipulata dal comune che prevede l'obbligo, in capo alla società aggiudicataria del servizio di raccolta dei rifiuti, di conferirli per lo stoccaggio e la successiva lavorazione in un impianto autorizzato, con il pagamento alla società di gestione della raccolta di un corrispettivo aggiuntivo per questa ulteriore attività di trattamento dei rifiuti.
 
Intanto a Canicattì, nell'Agrigentino, cassonetti stracolmi e rifiuti in strada a causa dello sciopero proclamato dai dipendenti del RTI Sea-Ecoin-Iseda che cura la raccolta e il conferimento in discarica per la Srr "Canicattì Camastra".
 
Lo sciopero di 24 ore ha provocato e provoca maggiori disagi perché arriva dopo il fine settimana quando la raccolta subisce un dimezzamento.
 
I lavoratori si sono astenuti da ogni attività per tutti i turni previsti perché non hanno ricevuto gli ultimi due stipendi. L'amministrazione comunale di Canicattì per contratto ha due mesi di tempo per corrispondere i canoni mensili del nuovo rapporto contrattuale iniziato ufficialmente lo scorso settembre.
 
03 dicembre 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università