Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Cassazione: chiusura con licenziamenti, comunicare i nomi. Sentenza su un'impresa di Palermo

Al termine di una procedura di licenziamento collettivo, la comunicazione finale (da effettuare entro sette giorni) con il nominativo dei lavoratori in eccedenza e sulle modalità di applicazione dei criteri di scelta deve essere soddisfatta anche in caso di totale cessazione dell'attività aziendale.
 
Lo sancisce la Cassazione con la sentenza 89/2019 che riguarda un'impresa di Palermo.
 
I giudici, inoltre, escludono che la chiusura dell'impresa possa rendere priva di utilità la funzione di controllo riservata alle organizzazioni sindacali sull'effettività della scelta del datore di lavoro.
 
L'articolo 4, comma 9 della legge 223/1991 stabilisce che, entro sette giorni dalla conclusione della procedura collettiva di riduzione del personale, l'impresa comunichi alle organizzazioni sindacali e agli enti territoriali l'elenco dei dipendenti licenziati e le modalità attraverso cui sono stati applicati i criteri di scelta nella selezione degli esuberi.
 
La particolarità del caso sottoposto alla Corte di cassazione risiedeva nella circostanza che, a monte della decisione di avviare la procedura di licenziamento collettivo, vi era la cessazione dell' attività aziendale, dalla quale derivava l'interruzione di tutti i rapporti di lavoro.
 
Nei due gradi di merito l'impugnazione del licenziamento era stata respinta. La Cassazione ha riformato la decisione dei giudici d'Appello, osservando che, anche in presenza di un licenziamento collettivo per cessazione di attività, la violazione del termine di sette giorni per la comunicazione finale comporta l' illegittimità dei recessi, con conseguente applicazione della sanzione risarcitoria a carico del datore di lavoro.
 
09 gennaio 2019
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università