Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mafia: cosche trapanesi, nove rinviati a giudizio

Il gup di Palermo Filippo Lo Presti ha rinviato a giudizio nove delle 16 persone coinvolte nell'operazione antimafia "Pionica" del 12 marzo 2018.
 
Altri sette imputati hanno, invece, già scelto il processo con rito abbreviato.
 
A essere rinviati a giudizio (prima udienza davanti al Tribunale di Marsala il prossimo 26 marzo) sono stati il presunto capomafia di Salemi, Michele Gucciardi, 65 anni, al quale l'ordinanza di custodia cautelare fu notificata dai carabinieri in carcere (è stato condannato a 17 anni, in primo grado, nel processo "Ermes"), il presunto capomafia di Vita (Tp), Salvatore Crimi, di 60 anni, la moglie Anna Maria Crocetta Asaro, di 47, e il figlio Leonardo Crimi, di 24, Gaspare Salvatore Gucciardi, di 56, anche lui di Vita, Tommaso Asaro, di 47, di Partanna (Tp), Ciro Gino Ficarotta, di 67, il figlio Leonardo Ficarotta, di 38, e Paolo Vivirito, di 39, tutti di San Giuseppe Jato (Pa).
 
Gli ultimi tre sono stati, comunque, prosciolti dall'accusa di intestazione fittizia di beni, che è l'unico reato contestato ad Anna Maria Crocetta Asaro e a Leonardo Crimi.
 
Lo scorso 31 gennaio, avevano chiesto di essere processati con rito abbreviato (prima udienza il 6 marzo davanti al gup Lo Presti) gli altri sette coinvolti nella stessa operazione antimafia. E cioè gli alcamesi Vito e Roberto Nicastri, di 63 e 56 anni, fratelli (il primo è il cosiddetto "re dell'eolico", al quale i contestati legami con Matteo Messina Denaro sono già costati sequestri per centinaia di milioni di euro), Giuseppe Bellitti, di 49 anni, di Salemi, Girolamo Scandariato, di 50, di Calatafimi, Melchiorre Leone, di 59, agronomo, di Vita, Antonino e Virgilio Asaro, di 76 e 42 anni, di Partanna.
 
L'operazione "Pionica" prende il nome di una contrada di Santa Ninfa (Tp) dove c'è un'azienda di 60 ettari appartenuta ai Salvo di Salemi comprata a un'asta giudiziaria e poi rivenduta a prezzo maggiorato. Parte civile si è costituita, infatti, anche l'ex proprietaria dell'azienda agricola, Giuseppa Salvo.
 
A sostenere l'accusa sono i pm della Dda Carlo Marzella e Gianluca De Leo.
 
08 febbraio 2019
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università