Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Ragusa: rubavano auto da rivendere a Malta e in Libia, quaranta indagati dalla Procura

Rubavano auto da rivendere a Malta e in Libia.
 
Quaranta persone sono indagate dalla Procura di Ragusa nell'ambito di indagini della Polizia su tre diverse associazioni per delinquere transnazionali specializzate in riciclaggio, furto e ricettazione di veicoli commerciali dall'Italia per Malta e Libia.
 
Personale della Polizia stradale e della Squadra mobile ha recuperato nel porto di Pozzallo e restituito ai legittimi proprietari oltre trenta auto di lusso che stavano per essere trasferite nell'Isola dei Cavalieri, per un valore complessivo stimato in diversi milioni di euro.
 
Oltre 150 poliziotti hanno perquisito cinquanta obiettivi riconducibili ai quaranta indagati, trovando un fucile, targhe rubate, veicoli e pezzi di ricambio di provenienza furtiva, documenti contraffatti e rubati.
 
Agli indagati è stato notificato un avviso di conclusione indagine emesso dalla Procura di Ragusa.
 
I furti di veicoli -  soprattutto quelli commerciali, che venivano rivenduti per essere trasferiti in Libia da parte di tre diverse associazioni per delinquere transnazionali - in Italia sarebbero stati compiuti da pregiudicati residenti in Sicilia e Calabria,.
 
Tra gli indagati 33 italiani, un tunisino, quattro libici e due maltesi.
 
Trentacinque le perquisizioni personali o domiciliari compiute in varie parti d'Italia.
 
Secondo quanto accertato dalle indagini, avviate nel 2013 e protrattesi fino al settembre del 2016, siciliani e calabresi, attraverso la mediazione di maltesi, sarebbero stati contattati da commercianti libici i quali commissionavano veicoli di varia natura (auto e mezzi commerciali) naturalmente a prezzi di molto inferiori al valore di mercato per trasferirli nel loro Paese attraverso vari porti italiani passando per Malta.
 
Sarebbero stati 36 i veicoli rubati o sottoposti a vincoli fiscali, per un valore complessivo di circa un milione di euro, il cui transito illecito verso la Libia è stato portato a termine o tentato attraverso i porti di Pozzallo, Augusta, Catania, Palermo, Salerno e Napoli, passando da Malta.
 
Sono stati 31, per un valore commerciale di circa 800.000 euro, i veicoli sequestrati e riconsegnati ai proprietari grazie alle indagini.
 
L'attività di Polizia Giudiziaria ha permesso il sequestro di un deposito con migliaia di pezzi di ricambio di veicoli a Francofonte (Siracusa), di documenti di circolazione, targhe, targhette identificative, certificati di proprietà ad un indagato a Comiso (Ragusa), nelle abitazioni di tre indagati, due a Comiso e uno a Scicli, nel Ragusano.
 
Una carta di circolazione di un veicolo rubato è stata sequestrata nell'officina di Catania di un altro indagato. A Catania è stato anche sequestrato un fucile detenuto illecitamente.
 
 
 
06 marzo 2019
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università