Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Via (NcdPpe): "Il Governo blocchi lÂ’Imu agricola"

BRUXELLES - Viste le difficoltà che soffocano il comparto agricolo, é impensabile proporre l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli, lo dichiara Giovanni La Via (Ncd/Ppe), presidente della Commissione Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare del Parlamento europeo.
 “L’Imu agricola è di per sé un’imposta cui siamo contrari, perché a causa dei valori catastali non aggiornati si rischia di determinare (a prescindere dai criteri prescelti) per alcuni comparti un danno di grandissime dimensioni”.
“Basti pensare - sottolinea l’eurodeputato di Ncd - che tra il 1982 e il 2010 sono stati abbandonati circa 5,3 milioni di ettari di terra. L’applicazione dell’Imu agricola, accelererà di certo il progressivo abbandono del settore ed un aumento dei problemi già rilevanti connessi al dissesto idrogeologico”.
“Siamo ancora in tempo - continua l’eurodeputato La Via - per trovare una soluzione volta ad evitare di chiedere ai nostri agricoltori di pagare un’imposta superiore ai loro redditi”. “Il governo intervenga con urgenza per evitare che il provvedimento possa avere ulteriori ripercussioni negative sull’agricoltura, conclude l’europarlamentare siciliano - già pesantemente messa in ginocchio dalla crisi economica e dalle vicende internazionali”.
Con la nuova proposta sarebbero esentati i soli terreni agricoli dei comuni ubicati ad un’altitudine superiore a 600 metri, mentre sarebbero tassati, completamente o parzialmente, i terreni situati in tutti gli altri territori.” Senza considerare poi che “L’Imu agricola per il 2014 violerebbe l’articolo 3, comma 2, della Legge numero 212 del 2000 (il cosiddetto “Statuto del contribuente”) che prevede che “le disposizioni tributarie non possono prevedere adempimenti a carico dei contribuenti la cui scadenza sia fissata anteriormente al sessantesimo giorno dalla data della loro entrata in vigore”. La scadenza di ogni tipologia di Imu è infatti fissata per il 16 dicembre, e ad oggi l’apposito decreto ministeriale non è stato ancora emanato”.
03 dicembre 2014
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università