Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Le principali inchieste
Tra le inchieste che negli ultimi due anni hanno riscosso maggior successo sul nostro giornale, sia per la risposta dei lettori, sia perché riprese da numerose testate nazionali, parecchie riguardano gli sprechi della Regione:
• Ars, un usciere costa centomila euro
• La luculliana mensa del Parlamento siciliano
• Ars: dimore da nababbi a disposizione dei parlamentari
• Ars: aumenta la spesa di cinque milioni
• Il Parlamento della Lombardia costa la metà dell’Ars
 
Il Bilancio della Regione è stato messo a nudo, rivelando per esempio che i dipendenti sono costosissimi:
• Regione: un miliardo e 200 milioni per i ventimila dipendenti
• Continuo lo scandalo del 118 siciliano
 
In Sicilia questo servizio ha un costo di 184 milioni. In Lombardia costa 171 milioni per il doppio degli abitanti. Costosissima anche la mancata informatizzazione:
• La Regione “straccia” 2,5 milioni carta
• Senza Pec bruciati 10 milioni di €
 
Molto seguite le inchieste sull’assenteismo come
• Quando alla Regione il Dottore è “fuori stanza”
 
Realizzata con un ampio corredo fotografico facendo un giro attraverso i 12 assessorati regionali siciliani tra stanze vuote e documenti accessibili a tutti. Non solo la Regione, però, è protagonista di mille sprechi, ma anche gli enti collegati:
• Consorzi bonifica dopo la riduzione costano il triplo
La riduzione a 11 consorzi non ha prodotto i risparmi sperati perché il regime di commissariamento ha amplificato le spese per il personale cresciuto a dismisura.
 
Inoltre
• Ersu: un letto ogni 20 fuorisede
Corredata da foto e da un video, quest’inchiesta multimediale metteva in evidenza lo stato pietoso delle residenze universitarie catanesi.
 
Sprechi anche nel settore della giustizia: nella recente inchiesta dal titolo
• Udienze socialmente utili
abbiamo spiegato come il patrocinio a spese dello Stato sia in pratica diventato un ammortizzatore sociale per avvocati. Inoltre, quando un processo, civile o penale, supera i tre anni in primo grado e due in secondo, gli imputati hanno il diritto a chiedere il risarcimento. Da qui l’inchiesta dal titolo
• Processi in Sicilia, nel 2008 in 1.600 hanno chiesto risarcimento
Di disservizi burocratici che causano gravissimi disagi a cittadini già duramente colpiti dalla sorte, abbiamo poi parlato in
• Invalidi: per accertamenti perdiamo 11 assegni su 12
spiegando che i ritardi accumulati dalle pratiche di accertamento di invalidità, fanno sì che il denaro non giunga ai destinatari. Risultati sorprendenti ha poi riservato l’inchiesta condotta nella pubblica amministrazione dal titolo
• Mobbing rosa, un fenomeno che resta avvolto nel silenzio in cui si è dovuto rompere un muro d’omertà eretto persino dalle stesse vittime.
 
Da tempo poi abbiamo lanciato una campagna di stampa sul tema che lega l’energia all’inquinamento. Tra le inchieste
• Il “triangolo della morte” e lo sviluppo insostenibile
• Oasi del Simeto, abusivismo e costruzioni illegali
• Vogliono distruggere la Sicilia con i mostri eolici
 
Lanciata ben prima della scoperta del racket delle pale
• Otto raffinerie, ma benzina sempre più cara
 
Questa inchiesta è stata ripresa dalla trasmissione tv che tutela i consumatori, “Occhio alla spesa” che ha intervistato il vicedirettore Raffaella Tregua.
• Raffinerie autorizzate a inquinare
Nel triennio 2005-2007 le quote di CO2 in Sicilia non sono state abbattute, quindi i valori delle emissioni hanno superato i 44 milioni di tonnellate l’anno
• Priolo, denuncia del sindaco “I controllati sono controllori”
Un’inchiesta culminata con la denuncia del sindaco di Priolo: “I rappresentanti delle industrie nelle commissioni che misurano il grado di inquinamento”.
• Priolo, vogliono gasare i residenti
L’inchiesta ha descritto come le industrie nel 2009 abbiano ridotto le emissioni, ma i valori degli idrocarburi hanno superato la soglia 127 volte in 10 mesi. Quindi no al rigassificatore per evitare altri morti, casi di cancro o malformati.
• A Lentini tassi di leucemia tre volte più del normale
L’uranio contenuto in un aereo caduto alla periferia della città nel 1984; il deposito abusivo di rifiuti pericolosi e l’inquinamento della falde acquifere. La magistratura lavora a Lentini (Sr) per accertare le cause che producono casi di leucemia in misura quattro volte superiore che a Milano. Grande rumore ha fatto poi l’inchiesta dal titolo
• Niente pace, neanche da morti, così accade a Misterbianco
dedicata allo smaltimento irregolare dei rifiuti mortuari nel cimitero del Comune
• Case popolari allagate e con tetti… di cartone
che ha anticipato di due anni l’inchiesta di Report su Librino, dove sono state realizzate dall’Iacp alloggi popolari progettati per essere costruiti … in Africa.
Infine il nostro giornale dedica continue inchieste al mondo del lavoro e in particolare alle “morti bianche”. Come in
• 150 ispettori per 480 mila aziende in Sicilia il lavoro non è tutelato
in cui si dimostra come alla base dei tanti incidenti sul lavoro mortali che hanno funestato l’Isola negli ultimi anni ci sia la carenza dei controlli e della prevenzione.
• Comuni: svelati i superstipendi
Abbiamo pubblicato gli emolumenti dei direttori generali dei capoluoghi siciliani. Gli stipendi arrivano anche a 240 mila euro annui. Ma i servizi ai cittadini lasciano a desiderare. Ed ancora
• Capoluoghi campioni d’inefficienza
I Comuni siciliani presi in esame hanno in organico circa 3000 dipendenti in più rispetto ai centri del Settentrione, dove i servizi resi ai cittadini sono di gran lunga migliori.
´╗┐