Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le azioni per contrastare il cambiamento climatico
di Redazione | 14 ottobre 2017
in collaborazione con ENI
 
PALERMO - Molti dei parametri che influenzano il clima sono in lento, ma continuo mutamento tanto che il clima di per sé sul medio-lungo periodo non è mai puramente statico, ma sempre alla ricerca di un nuovo equilibrio all’interno del sistema climatico. Negli ultimi 150 anni, però, la comunità scientifica ha cominciato ad accostare il clima alla parola cambiamento o mutamento riferendosi non più a cambiamenti naturali, ma dovuti all’azione dell’uomo.

Impegnativa la sfida posta dai cambiamenti climatici e la necessità di limitare entro questo secolo l’aumento della temperatura a 2°C rispetto all’era preindustriale. La domanda di energia continuerà a crescere nei prossimi decenni spinta dalla crescita demografica ed economica delle economie emergenti. Le energie rinnovabili pur avendo un ruolo sempre più importante nella fornitura di energia non potranno, nel medio termine, sostituire integralmente gli idrocarburi e in particolare il gas naturale continuerà a soddisfare una parte fondamentale del fabbisogno mondiale di energia, anche negli scenari a minore intensità di carbonio.

Il cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori sfide che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi anni. I rischi per il pianeta e per le generazioni future sono enormi ed obbligano ad intervenire con urgenza.

A tal proposito, è notevole il contributo offerto da Eni. Eni ha impostato una strategia integrata per fornire il proprio contributo nella transizione energetica verso un futuro low carbon che si basa su tre pilastri fondamentali: innanzitutto la produzione di idrocarburi a basso impatto carbonico che assicurino massima efficienza al minor contenuto di anidride carbonica (tra il 2010 e il 2015 Eni ha ridotto le emissioni dirette di anidride carbonica del 28%); in secondo luogo, la massimizzazione dell’uso del gas come fuel per procedere verso un itinerario di decarbonizzazione; infine, ma non meno importante, la promozione dello sviluppo delle energie rinnovabili, supportandone la diffusione e stimolando la ricerca tecnologica.

A tale scopo, l’Eni si impegna a portare avanti progetti di generazione di energia da risorse rinnovabili con l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica e contribuire all’accesso all’energia in questi Paesi con un energy mix sostenibile. I progetti si svolgeranno in particolar modo negli impianti Eni collocati in Africa e in Asia.

Il programma attuale mira alla continua crescita nel core business, minimizzando le emissioni, puntando a traguardare un’ulteriore riduzione del 24% delle emissioni rispetto ai livelli attuali, insieme all’azzeramento del flaring di routine entro il 2025 ed alla riduzione delle emissioni per barile prodotto del 43%. Eni intende inoltre portare avanti progetti di sviluppo di fonti rinnovabili: in Pakistan ed in Egitto sfruttando le sinergie con gli impianti industriali ed in Italia, traendo beneficio dalla collaborazione con Syndial, una società di Eni che opera nel settore delle bonifiche ed è proprietaria di oltre 4.000 ettari di superficie in tutta Italia.

Nel 2016 Eni ha ampliato il Piano d’azione sul clima adottato nel 2015, dando un maggior impulso allo sviluppo delle energie rinnovabili sia per l’autoconsumo sia per la produzione e vendita diretta di energia elettrica sul mercato. Anche per il 2017, il piano di incentivazione variabile annuale prevede un obiettivo di sostenibilità con peso 25%, articolato in due sotto obiettivi: il primo riguarda la riduzione dell’indice di intensità emissiva nella produzione operata di idrocarburi, in linea con gli obiettivi al 2025; il secondo riguarda le performance di sicurezza dei lavoratori.

Garantire il soddisfacimento della domanda rispettando gli obiettivi dell’Accordo di Parigi del dicembre 2015, richiede una forte riduzione dell’intensità emissiva dell’attuale mix energetico, possibile attraverso una graduale transizione verso fonti a minore intensità carbonica. Nel prossimo ventennio, sebbene a tassi progressivamente più contenuti, la domanda mondiale di petrolio continuerà a crescere almeno fino al 2035. Crescerà l'efficienza nei trasporti, la diffusione dei veicoli elettrici, ma il loro impatto in termini di spiazzamento del petrolio rimarrà ancora marginale, frenato dal lento processo di sostituzione del parco auto. Inoltre, il declino della produzione esistente richiederà nuove scoperte e nuovi sviluppi anche in presenza di una domanda stabile.

Il gas rappresenta altresì il partner ideale per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, che scontano ancora alcuni limiti di natura economica e tecnologica. L’utilizzo del binomio gas-rinnovabili consentirà la riduzione dei consumi di carbone che, attualmente, a fronte di un contributo di circa il 40% alla generazione elettrica mondiale, è responsabile di oltre il 70% delle emissioni di anidride carbonica del settore elettrico.

Gli articoli pubblicati

Si è celebrata il 22 maggio scorso la Giornata mondiale della Biodiversità
di Redazione | 01 giugno 2017
Biodiversità: un risorsa indispensabile per il pianeta e una ricchezza incommensurabile per le economie locali. Quest’anno fari puntati sul turismo sostenibile

Algoritmo e società: come nascono le nostre scelte
di Redazione | 01 giugno 2017
È alla base di molte delle nostre azioni quotidiane e influenza la nostra web reputation. Ogni giorno gli internauti si scambiano tra loro miliardi di informazioni

Già nel 2016 è stato avviato il Progetto Eni di alternanza scuola-lavoro
di Redazione | 31 marzo 2017
Circa 3.500 studenti da coinvolgere nel triennio 2016-18 con percorsi formativi, corsi in e-learning, workshop e visite di studio presso siti Eni e altri d’interesse nel settore energetico

Alternanza scuola lavoro come risposta alla disoccupazione
di Redazione | 31 marzo 2017
Il sito del Miur utilizza l’aggettivo “Unica” per fare riferimento a questa esperienza. Metodologia didattica innovativa istituita dalla Legge n. 53 del 2003

Divertendosi s'impara e si crea. I nuovi processi formativi passano per l'innovazione
di Redazione | 24 febbraio 2017
Alla Majorana accolto con entusiamo l’invito Eni di far studiare le prime classi con l’Ipad

Da Eni, un progetto pilota contro l'abbandono scolastico
di Redazione | 24 febbraio 2017
Quando la tradizione incontra le nuove tecnologie

Italia al quinto posto in Ue per dispersione scolastica
di Redazione | 24 febbraio 2017
Dati Istat sul 2015: il nostro Paese al 17% davanti Romania, Portogallo, Malta e Spagna. L’incidenza maggiore nelle Isole: Sicilia al 25,8% e Sardegna al 24,7%

Il mondo ha sete perché ha fame: i nostri pasti hanno bisogno di 3.600 litri di acqua al giorno
di Redazione | 10 giugno 2016
Il quantitativo maggiore per la coltivazione degli alimenti necessari a sfamare il bestiame (98%)

L'Energia del vento e l'importanza dell'eolico
di Redazione | 10 giugno 2016
Principali vantaggi: nessuna emissione di inquinanti e prezzo competitivo rispetto ad altre fonti. I tipi d’impianti dipendono dalla produzione e dal luogo d’installazione

In Italia nel 2014 61,9 mld metri cubi di gas naturale, -11,6% rispetto al 2013
di Redazione | 27 maggio 2016
Riduzione dovuta ai minori consumi di gas termoelettrico (35%) e riscaldamento (65%)

Conoscere l'idrogeno naturale vettore di energia
di Redazione | 27 maggio 2016
Si stima che nella crosta terrestre rappresenti solo lo 0,9% di tutti gli altri componenti. Si disperde nello spazio ed è l’elemento più abbondante nell’Universo

Compostiamoci bene! Gli scarti come risorsa
di Redazione | 29 aprile 2016
Gli avanzi dei piatti, i residui di potatura, fazzoletti di carta, possono essere trasformati in compost. Ci vogliono dai nove ai dodici mesi per un prodotto “maturo”

« pag. precedente pag. 1 2 3 4 pag. successiva »