Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mettersi in gioco puntando sulle proprie idee
di Antonio Leo

Oggi il modo più semplice per fare impresa è la Startup: inizia un viaggio alla scoperta delle realtà più interessanti in Sicilia. A partire dall’edizione odierna, per ogni venerdì, largo spazio ai giovani startupper siciliani

Tags: Impresa, Startup, Giovani, Ragazzi, Working Capital, Mind The Bridge



PALERMO - “La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e disagi, inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi è l'incompetenza. Il più grande inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita ai propri problemi”.

Così parlava Albert Einstein e il suo pensiero ancora oggi è quanto mai attuale. Tanti giovani sperano nel posto fisso, ma la dura verità è che ormai sta scomparendo. Qualcuno obietterà che così anni di rivolte sindacali e lotte per i diritti dei lavoratori non sono serviti a niente. Ma il mondo è cambiato, con l’avvento del web non esistono più barriere e i modelli sociali vanno completamente ripensati. Chiunque con un po’ di inventiva può sfondare: è la democrazia moltiplicata cento da internet.
Anche in Sicilia si assiste a un rapido cambiamento degli usi e costumi. Disoccupazione, contratti atipici, salari bassi stanno convincendo sempre più giovani a decidere di scommettere su stessi piuttosto che sperare in una manna dal cielo. Chi di speranza campa, disperato muore. E si sa, quanto a fatalismo i siciliani non sono secondi a nessuno.
 
Oggi la strada più semplice per avvicinarsi al mondo delle imprese è quella delle startup. Si tratta, però, di un percorso che richiede pazienza, coraggio e dedizione. Per entrare, per esempio, nella web economy non basta creare un sito per aver successo, specialmente quando la Rete ti mette in competizione con uno scenario che supera i confini nazionali per abbracciare l’intero pianeta. Per avviare una startup servono i giusti contatti con gli investitori, i partner e i clienti. Bisogna avere competenze e organizzare un team di persone esperte nei campi chiave del progetto. Non è necessario fare tutto da soli. Esistono numerose realtà che vengono incontro a coloro che vogliono investire su se stessi. In Italia vi sono diversi Venture Capitalist disposti a sopportare il rischio a fronte di un rendimento futuro atteso altrettanto elevato e che continuamente sondano il territorio per scovare idee vincenti. Inoltre esistono soggetti come Invitalia e Sviluppo Italia Sicilia,che permettono di accedere a fondi pubblici destinati appositamente alle iniziative giovanili.
 
Fabio Lilli, fondatore di Indigeni digitali, ha dichiarato: “Ogni angolo dell’Italia, potenzialmente, è una piccola Silicon Valley. Ogni città nasconde centinaia di talenti ancora da scoprire. Il problema è che non si conoscono l’uno con l’altro. Mettersi in comunicazione, incontrarsi e confrontarsi, è il primo passo per dare vita a progetti di successo”. Ecco un altro aspetto fondamentale per non lasciare marcire in un cassetto le proprie idee, cioè condividerle, parlarne con altri startupper e creare una rete di contatti. Siamo nell’era della condivisione, dove solo l’unione fa la forza.
 
A partire dalla prossima settimana e per ogni venerdì, il Qds darà spazio ai ragazzi che stanno provando a farsi largo nel mondo delle startup per dare forma ai loro sogni e per costruirsi da soli il proprio futuro. Inizieremo un viaggio attraverso le realtà più interessanti. L’appuntamento è quindi il prossimo venerdì con Youthub di Mario Scuderi. Intanto l’edizione odierna è dedicata alle opportunità offerte da Working Capital e Mind the bridge. Per segnalazioni scrivete su twitter a @tonibandini.
 

Articolo pubblicato il 29 giugno 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐