Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

300 miloni di euro dagli immobili fantasma
di Alessandro Petralia

Tributi locali. Quelle buone occasioni per aumentare la crescita
Grossi numeri. In Sicilia sono già stati scovati oltre 300 mila fabbricati non dichiarati al Catasto. Una parte sono in corso di regolarizzazione, per gli altri i cittadini devono ancora provvedere
Evasione. Ogni immobile rilevato corrisponde a un gettito fiscale da  riscuotere in termini di sanatorie, tassa sugli immobili, sui rifiuti, suolo pubblico e altre imposte comunali
 

Tags: Tributi



PALERMO - Per i Comuni italiani e siciliani quelli che stiamo attraversando sono sicuramente tempi difficili. Il netto taglio ai trasferimenti obbliga infatti i sindaci a rimboccarsi le maniche per garantire ai cittadini i servizi essenziali e lavorare sodo per evitare che gli Enti da loro amministrati vadano alla deriva.
In questo quadro diventa fondamentale la lotta all’evasione e, all’interno di essa, la caccia ai cosiddetti immobili fantasma. L’Agenzia del Territorio ha accertato, attraverso scrupolose indagini, che in Sicilia ce ne sono oltre 300 mila e per i sindaci - considerato che le rendite catastali sono già state attribuite - possono già attivarsi per far pagare quanto dovuto a chi, fino a ora, è sempre sfuggito alla legge.
Il tempo dei furbi, quindi, è finito. Ma anche quello dei sindaci “piagnoni” e scansafatiche. Le risorse ci sono: ora occorre soltanto andarle a scovare. (continua)

Articolo pubblicato il 03 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐