Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Arriva l’estate, fuggono i turisti
di Massimo Mobilia

Turismo. Scarsa programmazione e visitatori disorientati.
Spesa per il turismo. Ai 10 Servizi turistici regionali il governo locale ha destinato soltanto 252.000 euro per coprire i costi di funzionamento. A teatri e associazioni varie sono andati invece oltre 40 milioni.
I° trimestre 2012. Si è aperto negativamente anche il 2012: nel primo trimestre, con 1,4 milioni di pernottamenti per 104 milioni di incassi, la Sicilia ha avuto un calo di 318 mila presenze.

Tags: Turismo, Daniele Tranchida



PALERMO - Sarà un vizio tutto italiano quello che vede le pubbliche amministrazioni, in tempo di crisi, tirare la cinghia per far quadrare i bilanci, ma continuando a sperperare spese di funzionamento senza destinare "una lira" allo sviluppo. In Sicilia è un vizio ricorrente, specie nel settore turistico che ogni anno sembra farsi beffa di un patrimonio infinito di storia e natura, dai 64 siti monumentali ai 922 km di costa balneabile, alle 81 aree protette naturali, tutto di competenza regionale. Un settore che da solo potrebbe trainare il Pil siciliano, ridurre ai minimi termini i problemi di occupazione e trasformare la Sicilia in un'isola economicamente felice. Purtroppo la cruda realtà è ben diversa. Nel Bilancio di previsione 2012 le spese correnti ammontano a 57.228.000 euro, quelle per investimenti ad appena 790.000 euro. La colossale differenza si commenta da sola. (continua)

Articolo pubblicato il 04 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus