Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Penitenziari, Fleres: “Criticità al di sotto della dignità umana”
di Patrizia Penna

Il Garante dei diritti dei detenuti per la Sicilia condivide l’apertura di Napolitano ad indulto ed amnistia. In Sicilia 1.735 detenuti di troppo e Polizia Penitenziaria sottodimensionata

Tags: Carcere



PALERMO - Il Garante dei diritti dei detenuti per la Sicilia, Salvo Fleres, ha rivolto il suo plauso alle parole del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale  ha confermato nei giorni scorsi la sua apertura ad amnistia ed indulto, riaprendo così lo spinoso dibattito sulla drammaticità della situazione carceraria nel nostro Paese.

“La degenerazione dello stato delle carceri in Italia - ha detto Napolitano - non fa onore al nostro Paese, ma anzi ne ferisce la credibilità internazionale e il rapporto con le istituzioni europee”.

Senatore Fleres, qual è il suo commento alle parole del Capo dello Stato?
“Il Presidente della Repubblica da tempo si occupa attivamente della drammatica situazione delle carceri italiane”.

Amnistia ed indulto costituiscono a suo avviso un intervento strutturale “risolutivo”? Possono da soli migliorare in modo significativo le condizioni di vita dei detenuti rinchiusi nelle carceri?
“Mi auguro che la presa di posizione del Capo dello Stato costituisca un forte sprone per il Governo e per il Parlamento in direzione di quattro obiettivi: la concessione dell’amnistia per i reati minori, la realizzazione di nuovi istituti, l’assunzione di personale di custodia e di assistenza ed il varo di una legge sulla depenalizzazione, la quale eviti che gli effetti dell’amnistia, in termini di riduzione del drammatico fenomeno del sovraffollamento, abbiano breve durata”.
Lo speciale ricorso a misure di clemenza spetta al Parlamento e richiede una maggioranza amplissima (i 2/3 delle Camere). Napolitano ha sollecitato il Parlamento ad approvare al più presto il ddl sulle misure alternative alla detenzione, al momento in discussione alla commissione Giustizia della Camera. Lei pensa che la risposta all’appello di Napolitano arriverà in breve tempo?
“Sono moderatamente ottimista, perché i giustizialisti ed i securitari che siedono alla Camera ed al Senato, in entrambi gli schieramenti, non hanno mostrato, almeno sino ad oggi, una grande sensibilità attorno alle problematiche penitenziarie. Un dato é certo: l’esecuzione penale italiana presenta criticità al di sotto della dignità umana ed i frequentissimi suicidi che riguardano sia i reclusi, sia gli agenti della polizia penitenziaria pesano come un macigno sui responsabili della mancata adozione dei provvedimenti necessari”.

Nella nostra Isola, al momento ci sono 1.735 detenuti “di troppo”, cioè 7.200 reclusi rispetto ad una capienza regolamentare di 5.465 unità distribuite nei 27 istituti penitenziari presenti in Sicilia.
Il Quotidiano di Sicilia ha da sempre riservato grande attenzione alla difficile situazione della popolazione carceraria dando voce anche ai numerosi appelli lanciati dal Sindacato della Polizia Penitenziaria: tra casi di aggressione ai danni degli agenti, suicidi ed episodi di violenza ed autolesionismo, la vita impossibile oltre le sbarre non è un fatto “geografico” ma un’emergenza nazionale.

Articolo pubblicato il 30 settembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus