Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Crocetta ottimista: “Bilancio in 20 giorni”
di Raffaella Pessina

Largo alle donne: rimosso il commissario della Provincia di Catania e nominata la Liotta. Intanto è fra Roma e Bruxelles per un confronto con i vertici

Tags: Rosario Crocetta, Ars, Raffaele Lombardo, Michelangelo Lo Monaco



Come promesso il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, ha revocato il commissario straordinario della Provincia di Catania, Michelangelo Lo Monaco, che era stato nominato la settimana scorsa dal suo predecessore, Raffaele Lombardo.
 
Al suo posto, Crocetta ha designato Antonina Liotta. Non l'ha presa bene il deposto commissario che ha dichiarato la sua amarezza in una nota. "Dopo un intenso lavoro che aveva cominciato a dare i primi risultati positivi - ha detto Lo Monaco- spiace prendere atto che il neo presidente della regione Crocetta abbia adottato il provvedimento di revoca, che dubito trovi fondamento giuridico nella legge regionale n. 43 del 2012". Il Governatore della Sicilia lo aveva dichiarato in conferenza stampa e in altre occasioni, che avrebbe revocato i provvedimenti presi dal passato presidente Lombardo dopo la data del 28 ottobre scorso (elezioni regionali ndr). Inoltre ha anche detto: "Non ce l'ho con Ludovico Albert come persona (dirigente generale della formazione professionale ndr) ma lo licenzierò e con lui tutti coloro che si trovano nelle stesse condizioni". "In una regione che ha mille dirigenti senza incarico mi sembra assurdo – ha aggiunto Crocetta - mantenere consulenti esterni. Nel settore della formazione si trovano mogli di deputati, dirigenti inutili,è attualmente un feudo che divide un bottino destinato alle cricche".
 
Nel corso della affollata conferenza stampa svoltasi sabato scorso nella sala Alessi di Palazzo d'Orleans Crocetta ha anche delineato la sua Sicilia “a sette stelle”, dove inviterà a venire gli investitori stranieri e dove non vi saranno più spese inutili nel settore politico ed amministrativo. Crocetta ha aggiunto di voler approvare il bilancio in tempo utile, per poter realizzare il quale ha dovuto operare tagli a consulenze e privilegi per un miliardo e mezzo di euro. “Il bilancio di previsione della Regione siciliana per il 2013 "sarà chiuso in 20 giorni" – ha detto - anche se i tempi dipendono molto dalla data di insediamento dei parlamentari a Palazzo dei Normanni. In questi giorni Crocetta è impegnato a Roma e a Bruxelles per confronto i vertici delle istituzioni "per concertare la spending review". Domenica scorsa il Presidente ha voluto festeggiare nella piazza principale del capoluogo siciliano la sua elezione e tra gli artisti che si sono esibiti davanti a una piazza gremitissima, c'era anche il neo assessore al turismo Franco Battiato. Tra i provvedimenti che Crocetta prenderà nell'immediato vi sarà "il commissariamento dei comuni che non hanno approvato il bilancio entro le date stabilite. “Circa 20 comuni in Sicilia infatti - ha detto Crocetta - rischiano il dissesto finanziario anche per via dei consigli comunali che non vogliono attirarsi impopolarita'". E ancora previsto l'utilizzo delle “auto blu” in car sharing, che consentirà un risparmio del 20%. Non vi sarà più l'auto individuale del singolo assessore o del dirigente.

Articolo pubblicato il 13 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Rosario Crocetta nella prima conferenza stampa da presidente della Regione, accanto il prossimo assessore alla Salute, Lucia Bor
Rosario Crocetta nella prima conferenza stampa da presidente della Regione, accanto il prossimo assessore alla Salute, Lucia Bor