Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ilva, indagato anche il sindaco di Taranto
di Redazione

Nella bufera giudiziaria il segretario particolare dell’ex arcivescovo

Tags: Ilva, Lavoro, Taranto



Taranto - Non si placa la bufera giudiziaria sulla vicenda dell'Ilva di Taranto. Dopo gli arresti dell’altro ieri, che hanno colpito anche i vertici dell'azienda, adesso risultano indagati nell'inchiesta anche il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano e don Marco Gerardo, segretario particolare dell'ex arcivescovo della curia locale, Benigno Papa. Per il sindaco l'ipotesi di reato è omissione in atti d'ufficio, un atto dovuto dopo che il consigliere comunale Aldo Condemi, il mese scorso, aveva denunciato la mancata azione del sindaco a tutela della salute pubblica e la mancata costituzione di parte civile in un processo che si è concluso con la condanna dei vertici dell'azienda siderurgica. Per il sacerdote invece l'accusa è di false dichiarazioni ai pm.

Stefano si dice “sereno e convinto di non aver sbagliato”. “A dire il vero ho appreso la notizia dai giornalisti-  spiega - sarei indagato sulla base di “una denuncia fatta da un consigliere di opposizione - spiega Stefano - che ha fatto per dieci anni parte della maggioranza che ha portato al dissesto il Comune di Taranto e che non ha fatto niente per l'ambiente, mentre ora mi accusa di omissione di atti di ufficio. Ricordo che sono stato io il primo sindaco a presentare alla magistratura quello che gli stessi magistrati hanno definito un esposto corposo”. “Sono a posto con la mia coscienza e contento che si farà chiarezza: porterò ai magistrati tutti i documenti, fermo restando che gli uomini possono sbagliare, ma comunque non per dolo - aggiunge Ippazio Stefano”.

Sulla vicenda Ilva intanto, a Taranto sale la tensione dopo la decisione annunciata ieri dall'azienda di chiudere gli impianti e lasciare a casa cinquemila dipendenti.
Secondo il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, c'è “un rischio per l'ordine pubblico ed è notevole”. “Conto molto sul senso di responsabilità di tutti. Teniamo i nervi saldi e speriamo bene perché è una situazione drammatica e per il paese sarebbe un danno irreparabile”. Secondo la titolare del Viminale, infatti, “al di là dei posti di lavoro persi”, a risentirne è l'intero settore dell'indotto.

La replica dei lavoratori alla chiusura annunciata dall'azienda non si è fatta attendere. Ieri mattina centinaia di operai si sono radunati davanti agli ingressi e, non potendo entrare perché i loro badge erano già stati disabilitati, hanno forzato i varchi della portineria D dello stabilimento entrando anche nella Direzione del siderurgico occupandola.
Alle 7 è poi iniziato lo sciopero proclamato da Fiom Cgil- Fim Cisl e Uilm Uil in seguito alla decisione dell'azienda di mettere in libertà i dipendenti dell'area a freddo non solo di Taranto ma anche delle altre fabbriche italiane. Dinanzi alle portinerie i lavoratori si sono riuniti in sit-in, mentre qualche momento di tensione si è registrato tra chi voleva entrare e chi invece invitava a scioperare.

In mobilitazione anche gli operai di Genova dove un corteo di un migliaio di persone che protestano per la chiusura dello stabilimento di Taranto ha interrotto i collegamenti stradali tra il Ponente e il centro città. Il blocco è stato tolto nel primo pomeriggio. Sono previsti due giorni di assemblea permanente e l'invio per giovedì di alcuni pulman di manifestanti a Roma, davanti alla sede del ministero dell'Ambiente, dove verrà discussa la vicenda.

Articolo pubblicato il 28 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐