Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Corruzione: 2012 l’anno dei record
di Antonio Leo

Cinque Comuni sciolti per mafia. Regione: presidente e 29 “onorevoli” indagati. Oltre l’80% di assenteismo nell’Iacp. Ennesimo annus horribilis per la Sicilia e l’Italia. Una rassegna dei casi più eclatanti

Tags: Corruzione, Mafia, Assenteismo



PALERMO - Quanta, troppa corruzione nella Pubblica amministrazione siciliana. Anche il 2012 si chiude con una lista di casi eclatanti, rappresentativi di come il malaffare sia profondamente radicato negli Enti locali e regionali. L’anno che volge al termine verrà certamente ricordato per l’eccezionale numero di Comuni sciolti per infiltrazioni crimanili: ben 25, di cui cinque soltanto nell’Isola. Ma è anche l’anno in cui sono finiti sotto inchiesta quattro governatori, tra cui l’ex presidente Raffaele Lombardo. E che dire allora dei Consigli regionali, approdati sulle pagine di tutti i giornali per gli abusi perpetrati ai danni dei cittadini, con spese del tutto ingiustificate rispetto al mandato elettorale. In Sicilia sono stati 29 i deputati indagati nella XV legislatura e sono “solo” 8 in quella attuale. Non mettiamo, però, limiti alla provvidenza. (continua)

Articolo pubblicato il 29 dicembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus