Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bonifiche in Sicilia, soltanto parole
di Rosario Battiato

A Milazzo, Priolo-Augusta e Biancavilla tutto fermo allo stato burocratico. A Gela attuato un intervento su 21. Passano anni, promesse irrealizzate, ma nelle aree inquinate si continua a morire

Tags: Milazzo, Priolo, Augusta, Biancavilla, Inquinamento



PALERMO – In Italia esistono oltre 1.100 gli impianti chimici a Rischio di incidente rilevante (Rir), in alcuni casi con elevata importanza strategica. La Sicilia è una delle aree più esposte, potendo contare sulla presenza di Milazzo, Gela e Priolo. L'eventualità di incidenti in quelle aree, con annessi effetti di accelerazione sull'inquinamento dell'aria e del territorio, è al centro delle preoccupazioni di cittadini e associazioni del territorio che lamentano anche la carenza di bonifiche. Conferme negative arrivano anche dallo Stato centrale.
Il ministero ha deciso di restituire alle Regioni i siti di interesse nazionale con priorità di bonifica meno inquinanti o in fase avanzata di risanamento. I quattro Sin siciliani (Gela, Milazzo, Priolo, Biancavilla), a testimonianza del fallimento delle operazioni di pulizia e come simbolo del pesante retaggio industriale di quelle zone, restano tutti al loro posto. (continua)

Articolo pubblicato il 08 febbraio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus