Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Pedofilia online: inchiesta della Procura di Catania
di Redazione

Quattro persone arrestate e altre nove indagate: è il bilancio dell'inchiesta 'Abuse' contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet

Tags: Pedofilia, Internet



CATANIA - Quattro persone arrestate e altre nove indagate: è il bilancio dell'inchiesta 'Abuse' contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet della Procura distrettuale di Catania. La polizia postale del capoluogo etneo, durante perquisizioni domiciliari disposte dal procuratore aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi, ha arrestato, perché colti in flagranza di reato, un 51enne a Catania, un 41enne a Siracusa, un 54enne, recidivo, a Livorno, e un 41enne a Mantova.
 
L'operazione scaturisce da una collaborazione tra la polizia italiana e quella tedesca, ed ha riguardato il contrasto della divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet tramite il programma eDonkey2000. In particolare, tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012 gli indagati avrebbero divulgato alcuni video di pornografia infantile. Il coordinamento e lo scambio di informazioni è avvenuto tramite il Centro nazionale di contrasto della pedo-pornografia on-line (Cncpo) della Polizia postale di Roma. Le città siciliane interessate dalle perquisizioni sono state: Catania, Siracusa, Palermo e Messina.
I quattro arresti sono stati eseguiti, durante perquisizioni, perché gli indagati sono stati colti dalla polizia postale in flagranza di reato.
 
Il 51enne catanese è un impiegato pubblico, sposato con figli maggiorenni, che è stato sorpreso in possesso di 15 Dvd contenenti filmati di pornografia infantile che stava per divulgare su Internet.
Sono operai 'single' il 41enne arrestato a Siracusa, che aveva oltre 10mila filmati pedopornografici, e un 54enne bloccato a Livorno. Quest'ultimo è considerato dalla polizia postale un 'recidivo' perché in passato già denunciato per lo stesso reato. Il 41enne arrestato a Mantova è un operaio, sposato, con figli maggiorenni, che è stato trovato in possesso di circa 10mila file pedopornografici.
 
Le indagini della polizia postale di Catania e di quella tedesca sono state coordinate dal procuratore capo Giovanni Salvi, dall'aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi.
 

Articolo pubblicato il 07 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐